CONTROLLI DA PARTE DEI CARABINIERI DEL GRUPPO FORESTALE DI AVELLINO.

adsense – Responsive Pre Articolo

Prosegue l’azione dei Carabinieri del Gruppo Forestale di Avellino, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

In particolare:

i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) di Avellino, nell’ambito di indagini sulla corretta gestione dei rifiuti provenienti da attività edilizia, hanno deferito in stato di libertà 4 persone alla Procura della Repubblica di Avellino.

Nello specifico, all’esito del controllo di un impianto per ilrecupero di rifiuti inerti ubicato a Pratola Serra, i militari hanno appurato che i predetti, in concorso tra loro, avevano proceduto alla realizzazione dell’impianto in violazione della normativa ambientale vigente.

L’accesso ispettivo ha altresì permesso di constatare che una vasta superfice era stata destinata a deposito industriale di materie provenienti dal recupero di rifiuti inerti, in assenza di titoli edilizi e nulla osta paesaggistico.

L’area interessata è stata sottoposta a sequestro;

i Carabinieri della Stazione Forestale di Serino hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino 3 persone: nel corso di un servizio di perlustrazione del territorio, i militari hanno riscontrato che a Serino,all’interno di un’area sottoposta a vincolo paesaggistico,erano stati illecitamente depositati rifiuti provenienti dalla fresatura del manto stradale.

L’area interessata è stata sottoposta a sequestro.

Alla medesima Autorità Giudiziaria:

i Carabinieri della Stazione Forestale di Sant’Angelo dei Lombardi, hanno deferito in stato di libertà un uomo di Guardia Lombardi, ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti: nel piazzale antistante la sua abitazione, erano stati depositati 9 automezzi in cattivo stato di conservazione e privi di pezzi necessari per il loro funzionamento nonché una cinquantina di pneumatici esausti;
i Carabinieri della Stazione Forestale di Lioni hanno deferito in stato di libertà un allevatore ed un imprenditore agricolo che, in agro del comune di Caposele, facevano pascolare i propri bovini su terreni di proprietà privata, in assenza di comunicazioni al Sindaco del Comune. L’area in cui sono stati ritrovati i bovini ricade in zona sottoposta a vincolo idrogeologico epaesaggistico del Parco Regionale dei Monti Picentininonché Sito di Interesse Comunitario e Zona a Protezione Speciale.

adsense – Responsive – Post Articolo