Casa di Reclusione di Carinola, polizia penitenziaria rinviene haschisch all’interno di un sacco destinato ad un detenuto

adsense – Responsive Pre Articolo

È di oggi la notizia che il personale di Polizia Penitenziaria operante presso la casa di reclusione di CARINOLA ha rinvenuto circa 50gr. di sostanza stupefacente di tipo HASCHISCH, abilmente celata nella cucitura elastica di un pantalone di tuta, il tutto contenuto in un pacco destinato ad un recluso. A darne notizia è Aldo Di GIACOMO, Segretario Generale del Sindacato Polizia Penitenziaria S.PP. il quale afferma: “nonostante la Casa di Reclusione di Carinola negli ultimi giorni abbia visto l’esplosione di una vera e propria emergenza sanitaria dovuta al COVID 19, che ricordiamo, ha portato via tre Poliziotti Penitenziari, nonostante il personale stia operando in modo eroico per contrastare le condizioni emergenziali e sia sottoposto a grande sacrificio, nonostante le numerose assenze dovute ai contagi da COVID 19, nonostante tutto ciò, la guardia resta altissima, lo testimonia il fatto che proprio oggi, questo personale, al quale va tutta la nostra riconoscenza, ha impedito che delle sostanze stupefacenti potessero essere introdotte all’interno della struttura penitenziaria ed entrare nella disponibilità dei delinquenti ivi reclusi. Sentiamo il dovere di dire grazie ai poliziotti penitenziari di CARINOLA, così come a tutti quei nostri colleghi
che, oggi più che mai, sono costretti ad operare in condizioni di grande difficoltà e, sempre più esposti al rischio contagio da COPVID 19, ma, imperterriti, senza esitazione alcuna, non si sottraggono al proprio dovere, facendosi garanti e tutori dell’istituzione che rappresentano e di quei principi di democrazia che sono propri del Nostro Paese. Un grazie va anche al nuovo Comandante della Struttura penitenziaria di Carinola, una giovane Dirigente che, in un difficilissimo momento come questo, ha assunto un onere altrettanto difficile, assumere il comando di una struttura e di un gruppo di Uomini e Donne che hanno appena perso tre colleghi, tre amici a causa del COVID 19, a Lei l’onore e l’onere di ricostruire il senso di fiducia tra il personale ed esser autorevole giuda in un triste momento come questo”.
Un pensiero, continua Di GIACOMO, va rivolto a tutti i colleghi che a causa del COVID hanno perso la vita, persone che hanno messo la loro vita a disposizione delle istituzioni e che le hanno servite fino all’ultimo, non sottraendosi, mai, al proprio dovere.

adsense – Responsive – Post Articolo