CASTELVOLTURNO E L’ ASILO DEGLI ORRORI

adsense – Responsive Pre Articolo

Raccapricciante scoperta, a Castelvolturno, nel Casertano, dove la squadra mobile di Caserta ha tratto in arresto due trentacinquenni ghanesi, i quali gestivano, in modo assolutamente abusivo, un asilo.

I bambini, spesso venivano parcheggiati dai genitori anche per più giorni e lasciati in balia della coppia che, piuttosto che rendersene cura sostituendosi ai genitori, li facevano vivere letteralmente nel terrore.
L’asilo abusivo aveva delle regole ed i bambini che non le rispettavano venivano severamente puniti: unghie spezzate ed evidenti segni di violenze su tutto il corpo è quello che è emerso dai primi controlli.
Gli inquirenti hanno accertato che l’asilo , abusivo, veniva gestito utilizzando metodi violenti con tutti i bambini, ma in particolare tre erano quelli più bersagliati, probabilmente quelli che meno riuscivano ad adattarsi alle regole, sui quali sono stati accertati segni di violenze, vittime di punizioni corporee, privati di cibo e acqua, denudati, a qualcuno venivano spezzate le unghie a qualcun’altro veniva messo del peperoncino nei occhi.
Tale attività sarebbe andata avanti per diversi mesi, fino all’intervento delle forze dell’ordine, che hanno finalmente messo fine a questo orrore.

Carla Carro

adsense – Responsive – Post Articolo