Abbattimento barriere architettoniche, questa la situazione a Cicciano

adsense – Responsive Pre Articolo

Dopo la formale adesione alla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità e la deliberazione dell’atto di indirizzo per la predisposizione del PEBA (delib. CC del 3/3/2014), definiti i fondi finanziari da destinare a questa finalità (iniziali 40 mila euro nell’arco temporale 2015-2017 aumentabili anche in funzione dell’art. 208 c. 4 del Nuovo Codice della Strada), all’arch. Milena Alfieri, con determinazione del Settore Tecnico n. 213/2015, è stato conferito l’incarico di monitorare il territorio di Cicciano per poi procedere alla definizione del PEBA da attuare nel corso dei prossimi anni.

Preliminarmente, si è reso necessario un confronto con gli amministratori interessati, Sindaco Arvonio e Assessori Corrado e D’Avanzo, attenti e puntuali a raccogliere l’invito, per la definizione del percorso attuativo più idoneo al fine. Dal che ne è scaturito un primo crono-programma di massima che prevede la conclusione del monitoraggio (a cura dell’arch. Alfieri) entro la fine di ottobre con un chek intermedio con gli amministratori per una prima classificazione delle priorità realizzative.

A seguire, d’intesa con il Settore Tecnico, l’istruttoria necessaria per la tempestiva cantierizzazione degli interventi definiti. Relativamente ai fondi finanziari necessari, al fine di acquisirne i maggiori importi possibili, anche da fonti extra al bilancio comunale, saranno esplorate le opzioni consentite in materia di sponsorizzazioni e di adozione spazi pubblici. Naturalmente, dal costante monitoraggio dell’avanzamento realizzativo e dai fondi che si riuscirà ad avere disponibili, si desumeranno le eventuali necessarie regolazioni del PEBA.  Del tutto, ne sarà data ampia e costante rendicontazione.

Naturalmente, se dal monitoraggio dovessero emergere esigenze non risolvibili con microinterventi circostanziati e che richiedessero importi rilevanti, sarà cura del Settore Tecnico e dell’Amministrazione farsi carico di contemplarne la tempestiva soddisfazione mediante gli interventi di rispettiva competenza.

Con questi adempimenti, Cicciano, di fatto, assume il ruolo di battistrada mandamentale nel processo di abbattimento delle barriere architettoniche e può assurgere a modello specifico per le amministrazioni viciniore ed oltre, dal momento che sono in corso contatti con gli organismi regionali competenti finalizzati sempre alla sensibilizzazione all’abbattimento delle barriere architettoniche a tutto campo.

E’ possibile! Non si intravede alcuna controindicazione. Un dirottamento peggiorativo rispetto al percorso tracciato sarebbe da ricondurre solamente a cattiva volontà che, al momento, appare assolutamente fuori luogo.

Il Sindaco Arvonio: Con questo importante impegno mantenuto non stiamo facendo altro che ottemperare a quanto previsto da leggi regionali degli anni 88 e 92 con le quali si davano le linee guida per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli enti pubblici e nei percorsi urbani. Fino ad oggi, in tutta Italia, le amministrazioni comunali sono rimaste ferme davanti ad un obbligo di legge, oltre che ad un obbligo morale. Essere tra i primi comuni della Campania a dotarsi di tale strumento è per noi motivo di orgoglio e vedere che a ruota ci seguono le varie amministrazioni comunali limitrofe vuol dire che le best practices trovano terreno fertile aldilà degli schieramenti e dei colori politici. Questo intervento va ad intensificare le nostre azioni rivolte alle fasce deboli. Non ci fermeremo sicuramente qui. Gli amici della UILD M sezione di Cicciano seguiranno in prima persona la redazione del piano e la successiva realizzazione. L’amministrazione è fiera di aver preso parte ad un progetto di democrazia partecipativa che porterà un risultato concreto alla cittadinanza.

L’Assessore all’Urbanistica Corrado: l’adozione concreta del PEBA rappresenta un primo tassello per quello che deve essere un paese vivibile sotto ogni punto di vista. Mi inorgoglisce il fatto che siamo il primo comune ad aver aderito a questa iniziativa che parte proprio da un gruppo di Cicciano, per vederla poi espandere su tutta la regione; infatti sono molti i comuni che si sono accodati dopo di noi; mi inorgoglisce essere stato il promotore di questa iniziativa accelerando tutte le procedure per far si che il tutto si realizzasse in tempi accettabili; abbiamo intrapreso un lavoro molto lungo e molto c’è ancora da fare, sicuramente non ci tiriamo indietro, lavorando con la stessa voglia e armonia con i ragazzi dell’UILDM. Ringrazio ovviamente coloro che hanno lavorato per far si che il tutto si realizzasse, in particolate, l’ing Caliendo, l’arch. Di Giovanni che sono molto vicini a queste problematiche.

L’Assessore ai Lavori Pubblici D’Avanzo: Il mio impegno è quello di sostenere tutte le procedure pubbliche necessarie per la realizzazione del piano approvato; la mia disponibilità verso queste problematiche è totale! Appena l’arch. Alfieri, alla quale abbiamo affidato il monitoraggio preliminare, sarà pronta, passeremo subito alla fase attuativa con la redazione del PEBA e la pianificazione operativa-esecutiva dei lavori definiti. Il nostro impegno per il sociale è massimo! L’unico nostro limite è rappresentato dalle risorse disponibili sulle quali esploreremo tutti i percorsi possibili affinchè ne siano reperite in maniera soddisfacente. Un particolare ringraziamento ai tecnici del Comune per la sensibilità mostrata e per l’impegno profuso per queste problematiche. 

Giovanni De Luca (UILDM): Noi della UILDM di Cicciano siamo fieri ed orgogliosi che tutto parta da Cicciano, ringraziando l Amministrazione Arvonio per essere stata sensibile e lungimirante nell’aver aderito alla Convenzione ONU per i diritti dei disabili e per aver avvito la redazione del PEBA, dimostrando così di avere alta l’attenzione verso i cittadini con disabilità e mirando sopratutto a creare un paese a misura d’uomo, innalzando così per davvero la qualità di vita di tutti i cittadini.

 

adsense – Responsive – Post Articolo