Accordo integrativo regionale campano di medicina generale: Dichiarazione di: Luigi De Lucia Segretario Regionale della Campania del Sindacato Medici Italiani

adsense – Responsive Pre Articolo

< Si è tenuta al Centro Direzionale di Napoli presso la sede dell’assessorato alla Sanita’ della Regione Campania la riunione tra i sindacati dei medici di medicina generale e la parte pubblica nell’ambito della discussione dell’accordo integrativo regionale per la categoria professionale dei medici in un clima di serio confronto > così Luigi De Lucia, segretario regionale della Campania del Sindacato Medici Italiani commenta l0incontro avvenuto.
< La parte economica e le modalità organizzative per il lavoro dei medici con le Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT) ci hanno visto d’accordo. Le AFT, in particolare devono assicurare l’erogazione a tutti i cittadini che ad essa afferiscono dei Lea. Le AFT devono realizzare nel territorio la continuità dell’assistenza, estesa all’intero arco della giornata e per sette giorni alla settimana, per garantire una effettiva presa in carico dell’utente/paziente. Tutti compiti da realizzare secondo il modello organizzativo regionale, attraverso il concorso alla realizzazione degli obiettivi del Distretto di riferimento>, continua De Lucia.
<Niente è stato deciso, invece, in merito alle attività mediche di Continuità Assistenziale (ex Guardie Mediche). T ali attività più volte in Campania sono state sotto attacco da più parti con il rischio di ridimensionamento; a queste manovre la mia parte sindacale si è sempropposta> aggiunge De Lucia.
< Abbiamo riconvocata la discussione  per martedi prossimo,  per individuare  le modalità organizzative per la partecipazione dei medici di Continuità Assistenziale alle attività delle AFT ed al potenziamento dei presidi territoriali pubblici , con l’intento di approfondire i temi e garantire, nel migliore dei modi, tali attività mediche  in tutta la regione Campania> conclude De Lucia.

adsense – Responsive – Post Articolo