Accordo Miur/Cisco: 2500 studenti coinvolti durante l’anno scolastico in progetti di alta tecnologia

adsense – Responsive Pre Articolo

Napoli –  Il progetto è di quelli ambiziosi: avvicinare i ragazzi delle scuole superiori all’Internet of Things” ed alle tecnologie destinate a giocare un ruolo chiave per l’industria 4.0. A portare avanti l’idea il Consorzio “Clara”, in qualità di Cisco Networking Academy, che in occasione della manifestazione Smart Education Technology Days in corso a Napoli presso Città della Scienza, presenterà i risultati del lavoro svolto durante il primo anno dell’accordo “Digitaliani in Campania”. A premiare i 18 Istituti partecipanti alla prima edizione, sarà personalmente la dott.ssa Franzese, Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania. L’appuntamento è per mercoledì 25 ottobre presso la sala Archimede alle ore 11:30.

 Alla base dell’iniziativa l’accordo tra il Consorzio Clara e l’USR Campania nato per applicare a livello locale il protocollo di intesa che Cisco Italia e il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca hanno siglato nel 2016 con l’obiettivo di formare almeno 100.000 studenti in tre anni con i corsi delle Cisco Networking Academy dedicati alle reti, alla cybersecurity, all’Internet delle Cose, all’imprenditoria digitale ed alle competenze digitali di base.

 Il primo passo naturalmente è stato quello di formare gli insegnanti, per mettere prima di tutto loro in grado di gestire queste tecnologie. Ad avere un ruolo da protagonista nella fase “dell’insegnamento” ai professori formazione è stato il Consorzio Clara, che nella prima fase dell’accordo ha formato 262 insegnanti di 18 istituti superiori (prevalentemente di indirizzo tecnico). Questi professori ora sono pronti per passare alla fase successiva – ovvero coinvolgere gli studenti nel percorso di formazione “Introduzione all’Internet of Things” e in attività pratiche di laboratorio da realizzare grazie a Kit didattici che Cisco, attraverso le attività del Consorzio, ha fornito alle scuole. Gli studenti coinvolti hanno svilupperanno attraverso un percorso didattico teorico e di laboratorio le competenze digitali più richieste nel mondo del lavoro: l’Internet delle Cose infatti è alla base della trasformazione digitale dell’industria (la cosiddetta “Industria 4.0”) ed è una delle tecnologie centrali in innumerevoli progetti e percorsi di innovazione in tutti i settori.

 Il programma sta generando tante nuove opportunità anche nel campo dell’Alternanza Scuola Lavoro, con l’introduzione dei corsi Cisco nei progetti che scuole e aziende sviluppano. Una prima esperienza, infatti, è stata realizzata con gli studenti dell’Istituto Mattei di Casamicciola, a Ischia, che con il corso “Introduzione all’Internet of Things” hanno potuto servirsi di nuove competenze tecnologiche per il loro progetto di alternanza, dedicato a studiare un migliore sfruttamento dell’energia geotermica negli stabilimenti turistici dell’isola.

 “Il successo di questi progetti – ha commentato Marco de Angelis, Direttore Generale del Consorzio Clara – dipende dal network di soggetti partecipanti. E’ proprio a questo proposito che voglio ringraziare tutti i partner che hanno partecipato al programma Digitaliani. Va sottolineato che la Campania è la prima regione ad implementare al livello locale l’Accordo nazionale siglato tra il MIUR e Cisco. Il programma favorisce anche percorsi di Alternanza Scuola Lavoro, dando la possibilità agli studenti campani di avvicinarsi al tessuto economico del proprio territorio, entrando in contatto con le imprese e gli enti che lo caratterizzano. È il caso degli studenti dell’Istituto Tecnico E. Mattei di Casamicciola Terme, i quali hanno avviato un progetto di Alternanza Scuola Lavoro in ambito geotermico, con il coinvolgimento dell’Università degli Studi Napoli Parthenope e di Federalberghi, proprio sulla base del modello definito dal Consorzio Clara.”

adsense – Responsive – Post Articolo