Al via la seconda serie TV della Compagnia del Cigno su RAI Uno

adsense – Responsive Pre Articolo

di Maria Rosaria Ricci

È attesissima dai telespettatori di Rai Uno, la seconda serie TV la ” compagnia del cigno ” che avrà inizio domenica 11 aprile in prima serata su RAI Uno. La prima ha toccato e superato il 30% di share.
La serie TV, ha un cast eccezionale composto da: Alessio Boni in Luca Marioni, Anna Valle in Irene Valeri, Leonardo Mazzarotto in Matteo Mercanti, Fotinì Peluso in Barbara Severini, Emanuele Misuraca in Domenico Abbate, Hildegard De Stefano in Sara Loffredi, Chiara Pia Aurora in Sofia Potente Ario, Nikolaus Sgroi in Roberto “Robbo” Turchi Francesco Tozzi in Cantini Alessandro, Roja in Daniele Trani, Stefano Dionisi in Antonio Mercanti, Giovanna Mezzogiorno in Valeria, Trani Carlotta Natoli in Vittoria Fabrizio, Ferracane in Vincenzo Abbate, Fabrizio Coniglio in Giulio Loffredi, Haidée Borelli in Ines Claudia, Potenza Nicoletta, Giorgio Pasotti in Luigi Turchi, Francesca Cavallin in Miriam Dino, Abbrescia in Roberto Susy Laude: Clelia Pia Lanciotti: preside del conservatorio Angela Baraldi in prof.ssa Gabriella Bramaschi, Michele Bravi Giacomo Rocco, Tanica in prof. Guido Sestieri Michele Rosiello in Daniele.
Metterà di nuovo al centro del grande schermo televisivo, la passione per la musica di sette ragazzi tra i 15 e i 18 anni che frequentano il conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Seguiti dal Professore d’orchestra Luca Marion, soprannominato dai suoi allievi il bastardo.
Con la medesima trama della prima edizione, i protagonisti accomunati dalla dedizione dei loro strumenti musicali, si consolideranno in rapporti amicali. Spartiti e note musicali, accompagneranno il modo di essere e l’esperienza di ogni singolo protagonista della Compagnia del cigno.
In questa seconda stagione che si pronostica ricca di retro sceni carichi di suspense, la musica avrà il sopravvento.
Entrerà nelle nostre case, ci farà compagnia, ci metterà di buon umore, e non mancherà di farci vibrare le corde più profonde del cuore e dell’anima.
La visione della Compagnia del cigno, ci darà nuovamente la certezza, che la musica oltre il muro del suono abbatte l’indifferenza per aprire nuovi orizzonti.
Orizzonti che vedono e vedranno, la ripresa del mondo dello spettacolo e dei concerti dalla pandemia del Covid-19.
Di Maria Rosaria Ricci

adsense – Responsive – Post Articolo