ALMANACCO IRPINO. Giovedì 23 aprile 2020

adsense – Responsive Pre Articolo

a cura di Grazia Russo

23 aprile, giovedì San Giorgio, Martire di Lydda

Le pratiche per esorcizzare il malocchio

Protagonisti del cerimoniale sono due: “la vittima”, che accusa lancinanti dolori alla testa, ha fede nel potere scaramantico della giaculatoria e “l’operatore magico”, che per mezzo di formule, gesti e riti, deve procurare benessere e salute alla vittima del malocchio.

Il praticante o la praticante, dopo aver preso un piatto e versato l’acqua, traccia tre segni di croce sulla fronte del “paziente”. Poi versa una goccia d’olio nel piatto, se si scioglie rivela la presenza del malocchio. Quindi passa alla recita della formula:

Occhi, malocchi, controcchi

Forbicine contro gli occhi,

schiatti l’invidia e crepi il malocchio

due m’hanno offeso

tre mi difendono,

le tre presone divine:

Padre, Figliolo e Spirito Santo

E così sia!

Poi si cambia piatto e si ripete tre volte la formula e l’operazione, se questa volta la goccia d’olio non si spande è segno che il malocchio è stato reso innocuo.

 

 

 

adsense – Responsive – Post Articolo