ALMANACCO IRPINO. Giovedì 28 maggio 2020

adsense – Responsive Pre Articolo

 

a cura di Grazia Russo

28 maggio, giovedì  San Germano di Parigi, vescovo

 Amuleti e talismani 

Assai vasta è la tipologia degli oggetti protettivi, un tempo adoperati per scongiurare il male, gli amuleti e per attirare la buona sorte, i talismani. Comunque questi oggetti dalle virtù difensive devono essere di forma appuntita, come le forbici, o di colore rosso come il corno.

Gli amuleti, si credeva, che possedessero la virtù di allontanare malanni, sciagure e finanche la morte, ma anche di proteggere contro fulmini, tuoni, terremoti ecc.

Molti credevano anche che essi potessero esorcizzare gli spiriti delle tenebre, le anime dannate ecc.

Numerose sono le testimonianze che affermano che in Irpinia si faceva un vasto uso di essi. Solitamente si portavano addosso, nascosti, sotto le camicie, giacche….

Per avere un reale effetto, molti sostengono che non bisogna mai acquistare personalmente né amuleti né talismani, ma devono essere regalati da amici e parenti.

Un oggetto, spesso usato, era il ferro di cavallo, che aveva virtù apotropaiche e protettive. Era ritenuto un buon antidoto contro malocchi e sortilegi, di solito si appendeva sulle porte delle case, oppure sulle botteghe degli artigiani, talvolta anche sulle carrozzine dei neonati.

 

 

 

 

 

 

 

adsense – Responsive – Post Articolo