ALMANACCO IRPINO. Mercoledì 6 maggio 2020

adsense – Responsive Pre Articolo

a cura di Grazia Russo

6 maggio, mercoledì

San Pietro Nolasco

Proverbio: Nebbia a monte, pioggia di fronte,

                 nebbia a valle, pioggia sulle spalle.

 Il male dell’arco

A Nusco, un testimone racconta che venne colpito dal male dell’arco, ovvero una malattia che si contrae indicando con il dito l’arcobaleno che compare nel cielo, dopo un temporale. i sintomi più ricorrenti sono: inappetenza, anemia, depressione.

La presenza del male è colta dall’officiante attraverso la diversa misura tra l’altezza e l’ampiezza delle braccia del paziente. L’avvenuta e totale guarigione si ha quando le due misure coincidono. Per guarire, si deve cominciare un mercoledì e proseguire per altri due mercoledì successivi.

La pratica è il residuo di un rito ben più antico in cui veniva coinvolto il dio Mercurio, che, appunto, aveva quel giorno a lui sacro. Mercurio era un dio intermediario tra il mondo terreno e quello sotterraneo. Solo lui avrebbe avuto il potere di ricondurre il male nelle profondità da cui era uscito.

 

adsense – Responsive – Post Articolo