ALMANACCO IRPINO. Sabato 16 maggio 2020

adsense – Responsive Pre Articolo

a cura di Grazia Russo

16 maggio, sabato Sant’ Ubaldo di Gubbio, vescovo 

Proverbio: Maggio una sola pioggia ma buona

Riti propiziatori della fertilità 

Per ottenere un raccolto abbondante i contadini intonavano dei canti di questua, legati a cerimonie per fertilizzare la terra, iniziavano il due novembre e finivano a maggio, quando ci si liberava delle ultime scorte dei cereali dell’anno precedente.

In molti paesi irpini i ragazzi bussavano alle porte, confidando nell’offerta di fagioli, ceci e grano, simboli della fertilità sia della terra sia della donna.

A Montecalvo, invece, si andava sotto un gelso e, auspicando che a fine primavera esso producesse more abbondanti, si percuoteva per tre volte con un bastone sul suo tronco, recitando per tre volte la seguente formula:” Le campane a suonare a distesa e il gelso a caricarsi di more!”

Il rito, ripetuto tre volte (forse rimanda alla SS. Trinità) si fondeva sul principio mimetico: la mora ha la forma di una campanellina, i rintocchi che si propagano nell’aria avrebbero dovuto propiziare una produzione abbondante di frutti.

 

 

 

adsense – Responsive – Post Articolo