ANGRI: Aumentano i beni confiscati per il patrimonio comunale.

adsense – Responsive Pre Articolo

Beni confiscati – L’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, ha disposto il trasferimento al patrimonio del Comune di Angri, di altri immobili oggetti di confisca.

ANGRI: Aumentano i beni confiscati per il patrimonio comunale.

L’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata, lo scorso 19 febbraio, ha verbalizzato e consegnato al patrimonio comunale, altri immobili confiscati. Si tratta di beni immobiliari situati in via Canneto, che saranno utilizzati per la realizzazione della “Città dei Ragazzi”, una scuola di Arti e Mestieri, mentre il secondo immobile ospiterà la sede del Piano di Zona, il Centro Antiviolenza e il Centro per la Famiglia. Finalità sociali importanti per strutture che si aggiungono agli altri beni già assegnati nel corso dello scorso anno, al cui interno saranno attivati una Casa famiglia per minori e il Polo di Protezione Civile comunale.

Il sindaco dichiara:

“Da circa un anno stiamo lavorando intensamente per riutilizzare al più presto i beni confiscati, che l’Agenzia ha trasferito al nostro patrimonio comunale. Un lavoro mirato che punta a realizzare attività sociali che creano risparmio per le casse dell’ente e servizi per i cittadini. Un patrimonio confiscato ai clan che viene restituito alla comunità, come occasione di rafforzamento del concetto di famiglia, aprendo ai minori, alle donne, alla formazione, ai servizi sociali in genere dedicati alla città”.

Dichiarazione Caterina Barba – Assessore al Patrimonio

“Stiamo lavorando per restituire alla comunità l’utilizzo dei beni confiscati. Strutture immobiliari che ospiteranno attività di grossa valenza sociale. In corso Vittorio Emanuele la Casa famiglia per Minori sarà aperta a breve, il polo di Protezione civile sarà attivato in via Stabia, così come importanti saranno le attività che verranno svolte negli immobili di via Canneto. Una politica attiva ed attenta per essere dalla parte della gente, per sostenerla anche attraverso l’utilizzo per finalità sociali, dei beni sequestrati alla criminalità.”.

adsense – Responsive – Post Articolo