Atripalda si fa il punto sul monitoraggio dell’inquinamento atmosferico nell’Avellinese

adsense – Responsive Pre Articolo

Mercoledì 12 maggio Arpac farà il punto sullo stato di avanzamento del monitoraggio della qualità dell’aria nel comprensorio di Avellino. Appuntamento alle 12.30 presso il Parco delle Acacie ad Atripalda, dove è operativo da qualche giorno un laboratorio mobile dell’Agenzia con la collaborazione dell’amministrazione comunale. Parteciperanno il direttore generale Arpac Stefano Sorvino, il sindaco di Atripalda Giuseppe Spagnuolo e il dirigente della UOC Reti di monitoraggio e Cemec Giuseppe Onorati. L’incontro si svolgerà all’aperto.

L’Agenzia ambientale della Campania ha avviato da tempo una serie di approfondimenti mirati a indagare la problematica dell’inquinamento atmosferico in un’ottica di “area vasta”, estendendo il monitoraggio anche ai Comuni della cintura urbana del capoluogo irpino. Nel centro di Avellino sono attive storicamente due stazioni di monitoraggio, una terza stazione dedicata è situata nei pressi dello stabilimento Stir nell’area industriale di Pianodardine, inoltre un laboratorio mobile è attualmente posizionato nel centro di Mercogliano. L’attivazione di una postazione ad Atripalda costituisce un ulteriore passo per esplorare come i principali inquinanti atmosferici si distribuiscono nell’hinterland avellinese.

L’appuntamento di mercoledì, aperto alla stampa, rappresenta un momento di comunicazione e approfondimento sul tema dell’inquinamento atmosferico e sulle modalità di monitoraggio dinamico che l’Agenzia sta elaborando, con la realizzazione di campagne straordinarie in molteplici punti del territorio campano.
Atripalda si fa il punto sul monitoraggio dellinquinamento atmosferico nellAvellinese

adsense – Responsive – Post Articolo