AVELLA. Giovanni D’Avanzo: “Pronto ad una nuova esperienza”. La Regione il suo prossimo obiettivo

adsense – Responsive Pre Articolo

AVELLA. Giovanni DAvanzo: Pronto ad una nuova esperienza. La Regione il suo prossimo obiettivoEsce allo scoperto Giovanni Luigi D’Avanzo, meglio conosciuto tra gli amici come “Ronaldo”, assessore al Comune di Avella dall’età di poco più di 18 anni,  fino ad oggi, dove ricopre il ruolo di assessore ai Lavori Pubblici della giunta di Domenico Biancardi.  Una famiglia quella dei D’Avanzo che ha sempre partecipato negli ultimi decenni alle competizioni elettorali del proprio paese e dal 2001 è rappresentata da Giovanni Luigi D’Avanzo. Sempre eletto nella lista di maggioranza,  è uno dei candidati avellani più ricercati nella formazione delle liste per i suoi tanti suffragi che riceve dagli elettori avellani. Nell’elezioni del 2016, quelle del secondo mandato Biancardi, ha ricevuto circa 500 preferenze, rappresenta quindi quasi il 10% dell’elettorato avellano, tra i più votati se si escludono le donne che usufruiscono del voto di genere. Dopo tanta gavetta ha deciso di proporsi per un traguardo più ambito, la Regione Campania. L’assessore ai lavori pubblici ha voluto oggi comunicare ufficialmente che alla prossima tornata elettorale di maggio 2020 sarà tra i candidati per un posto da consigliere regionale. Giovane imprenditore agricolo, molto stimato ad Avella, ma anche oltre i confini della cittadina archeologica, parte con una base elettorale non di poco conto e ha tutte le carte in regola per aspirare ad una poltrona da consigliere regionale. Nel partito giusto basterebbero cinquemila preferenza per giocarsi la carta, un pò come ha fatto uno dei suoi compaesani, l’attuale consigliere  reginale avellano Vincenzo Alaia. “Dopo 20 anni, dopo che mi sono fatto le ossa,  penso che sia giunto il momento ad aspirare a qualcosa di più grande, ho molta fiducia negli elettori e soprattutto negli amici che mi invogliano a fare questa esperienza“, afferma l’assessore D’Avanzo. “La politica come la intendo io, non deve essere una professione per avere una sistemazione personale per se e per la famiglia, ma deve essere un servizio per il cittadino, conclude il prossimo candidato alla Regione Campania.

adsense – Responsive – Post Articolo