AVELLA. “La Cultura non si ferma”, l’iniziativa degli studenti dell’istituto “Monsignor Pasquale Guerriero”

adsense – Responsive Pre Articolo

Da alcune settimane stiamo affrontando l’emergenza del  COVID 19 che sta mettendo a dura prova noi tutti nella privazione della libertà, uno dei principi più importanti del nostro senso di socializzazione ed umanità. Il sistema sanitario, la sicurezza e la scuola  sono ormai in “trincea” da mesi, a tutela del diritto alla vita di ciascuno di noi in tutte le sue accezioni.
Oggi più che mai ci sentiamo e siamo una comunità solidale, responsabile, collaborativa, che deve avere fiducia nelle sue Istituzioni e che deve credere, seppur con cauta forza,  che questa dura prova molto presto sarà superata.
È in questa ottica che si inserisce il progetto #iofarocolrrerel’Italia, promosso e fortemente voluto dall’intera comunità educante dell’Istituto Comprensivo “Mons P. Guerriero” di Avella, con a capo il Dirigente scolastico prof. Vincenzo Gagliotta e supportato dalle rappresentanze comunali.
Il 25 aprile, alle ore 12:00 tutte le porte, le finestre e i balconi abitati dai piccoli studenti dell’istituto si coloreranno con frasi, striscioni e disegni messi in pratica con il supporto di docenti e famiglie per poter sconfiggere, seppur ancora idealmente, questo nemico invisibile che ha leso la libertà di ognuno, la possibilità della vicinanza, di un semplice abbraccio o di una stretta di mano, fortificando però al contempo il nostro senso di appartenenza, la nostra unione. La didattica, per gli alunni dell’I.C. “Mons. Guerriero”, pur essendo definita “a distanza”, non è mai stata così vicina.
Ed infatti la scuola tutta è scesa in campo e, nonostante le mille criticità derivate dalla lontananza oggettiva dai banchi di scuola, ogni componente di questa grande e solidale collettività “guerriera” di nome e di fatto, ha dato il proprio apporto nella realizzazione della prima parte di questo progetto che si snoderà  per tutta la durata  dell’emergenza.
Il Dirigente scolastico ha dichiarato: “Ho scelto il 25 aprile, anniversario  della liberazione d’Italia, perché simbolo del nostro impegno di resistenza e di lotta contro questo nemico invisibile che ci ha privati del valore più importante: la libertà. Ognuno è chiamato a fare la sua parte, seppur piccola, per dare avvio a quel processo di consapevolezza del ruolo che ogni studente è chiamato a ricoprire nella società di oggi e dell’imminente futuro. Sono grato a tutti i docenti per l’impegno profuso nella realizzazione del progetto #iofarocorrerel’Italia e nella buona riuscita della DAD sopra ogni altra cosa”.

AVELLA. La Cultura non si ferma, liniziativa degli studenti dellistituto Monsignor Pasquale Guerriero

AVELLA. La Cultura non si ferma, liniziativa degli studenti dellistituto Monsignor Pasquale Guerriero AVELLA. La Cultura non si ferma, liniziativa degli studenti dellistituto Monsignor Pasquale Guerriero AVELLA. La Cultura non si ferma, liniziativa degli studenti dellistituto Monsignor Pasquale Guerriero AVELLA. La Cultura non si ferma, liniziativa degli studenti dellistituto Monsignor Pasquale Guerriero AVELLA. La Cultura non si ferma, liniziativa degli studenti dellistituto Monsignor Pasquale Guerriero AVELLA. La Cultura non si ferma, liniziativa degli studenti dellistituto Monsignor Pasquale Guerriero

adsense – Responsive – Post Articolo