AVELLINO. PISCINA COMUNALE, NOTA MICHELE CASO

adsense – Responsive Pre Articolo

Si è tenuto giovedì 5 agosto un incontro tra l’amministratore unico della Polisportiva Avellino – Piscina Comunale, Antonio Panico e Michele Caso della UIL T, con una delegazione di lavoratori.

Purtroppo la struttura della Piscina resta ancora chiusa e l’azienda non è stata in grado di ipotizzare una data per la riapertura. Dal 9 marzo, periodo covid 19, i lavoratori sono stati collocati in CIG, ad oggi sono sospesi. L’azienda  resta in attesa che il governo  approvi la proroga della CIG, per poter coprire questo ulteriore di fermo.

Nel frattempo i lavoratori avanzano ancora la retribuzione di febbraio e una parte della mensilità di marzo,  oltre le somme, avallate  e certificate dall’Ispettorato del Lavoro, maturate negli anni precedenti.

La gestione della piscina risponde sempre di meno alle regole d’impresa, in quanto è fortemente condizionata da altri fattori

In queste condizioni di reali difficoltà finanziarie della Polisportiva Av. e senza nessuna certezza sui tempi  della ripresa delle attività, con una interdittiva pendente e  con una richiesta di sfratto da parte del comune di Avellino, vi è un rischio concreto per il futuro dei lavoratori, attualmente attenuato solo perche vi è lo strumento della CIG. Serve una decisione rapida da parte delle autorità competenti  che ponga fine ad una vertenza sicuramente complessa, ma non per questo irrisolvibile. Una struttura importante, per la città, non può essere lasciata per cosi lungo tempo  in una fase di indeterminatezza. Per questi motivi chiederemo un incontro con l’Amministrazione Comunale affinche si accelerino i tempi d’intervento.

Michele Caso

Uil Trasporti Avellino/Benevento

adsense – Responsive – Post Articolo