BAIANO. I versi di Paola Miele

adsense – Responsive Pre Articolo

Un omaggio alla mamma limpido e d’intenso vigore affettivo. E’ l’omaggio che rende Paola Miele con quella fine ed acuta sensibilità che le è peculiare e che nulla concede all’enfasi e alla retorica, grazie all’uso di un linguaggio diretto ed immediato che nella plasticità del dialetto napoletano fa vibrare calde emozioni e generosi sentimenti.

E’ il pregio dello stile, intessuto di parole scarnificate, a costituire l’ariosità della composizione che è l’inno alla mamma … “ ‘na riggina senza curona\ senza medaglia \ e nun s’aspetta niente”. Un inno che Paola Miele scolpisce, fissando il legame di destino e d’amore che corre tra la mamma e la figlia- femmena quando nasce; tra la mamma e …” ffiglie cresciute”. E’  il legame che fa trasfondere l’amore di mamma verso i nipoti. Sono veraci e belle le modulazioni espressive con cui l’autrice scandisce e ravviva la composizione, quasi a trascrivere e a squadernare in un’autentica e nitida introspezione di sè il proprio mondo di madre e nonna, in cui si rispecchiano tutte le mamme e … nonne.

 Sono le modulazioni di quello schietto realismo ch’è tratto distintivo della produzione di Paola Miele, di cui la più recente testimonianza si ritrova nella declinazione della storia triste e delicata di “ ‘O ricciotto”, personaggio semplice ed umile della Baiano ch’stata.

 La composizione che si pubblica è stata letta e recitata da Paola Miele nell’ambito delle iniziative che hanno segnato la Festa della mamma, promossa ed organizzata dalla Pro Loco, svoltasi domenica scorsa in piazza Santo Stefano.

O DESTINOENA MAMMA

Quanno nasce ‘na femmena

nasce ‘na mamma,

tene ‘int’ ‘o core ‘na forza

c’ arravota ‘o munno,

è ‘na riggina senza curona,

senza medaglia

e nun s’aspetta niente.

More pe’ figlie

e ogne scarrafone

è bello ‘a mamma soia.

Cchiù passa ‘o tiempo

e cchiù ammore te dà;

te d’ ‘a vita

e cumm ‘a n’ombra

è luce p’ ‘a vita.

Chi ten’ ‘a mamma

nun chiagne

è overo…mamma mia!

A ffiglie crisciute

s’attacca ‘e nipute,

ll’ammore s’ è radduppiato:

nun fernesce maie,

pecchè ‘a mamma

è una sola e pe ssempe!

adsense – Responsive – Post Articolo