BAIANO. La morte di Vincenzo Lippiello, soggetto fragile in attesa del vaccino. Da 40 giorni gli dicevano: “deve attendere”. Troppo tardi

adsense – Responsive Pre Articolo

Quella che pubblichiamo è uno sfogo della famiglia per la scomparsa dell’ex dipendente delle Scuole Elementari di Baiano, il sig. Vincenzo Lippiello.

“Questa mattina è venuto a mancare Lippiello Vincenzo meglio conosciuto come Vicienz o’ bidello della scuola elementare di Baiano da diversi anni in pensione. Vincenzo lo ricordano tutti come una buona persona e amico di tutti. Da circa 7/8 anni portava l’ossigeno e quando incontrava altre persone con problemi respiratori lui li incoraggiava a usare l’ossigeno senza vergognarsi e scherzosamente diceva “chi porta l’ossigeno ha una marcia in più”.
Il 14 marzo si è iscritto sulla piattaforma Soresa perché lui VOLEVA il vaccino, perché lui VOLEVA una copertura contro il Covid, ma purtroppo il sistema vaccinale ha tardato e continua a tardare nel vaccinare persone vulnerabili come lui e che sono a rischio contagio/morte ogni giorno. Vincenzo era stato segnalato dal suo dottore di MMG come soggetto fragile, ma purtroppo la convocazione per il vaccino è giunta solo per il 22 aprile con ben 40 giorni dopo la richiesta quando ormai era già ricoverato in rianimazione dal 16 aprile 2021.
È vergognoso quello che sta accadendo nei punti vaccinali del nostro mandamento e nella provincia di Avellino dove giovani con meno o nessuna patologia ha già ricevuto la prima dose del vaccino e perlopiù del Pfizer e chi ne ha diritto sta ancora aspettando. Detto ciò mi viene da pensare che anche di fronte a un mostro come il Covid c’è ancora il cosiddetto clientelismo di chi vaccinare a discapito di altri che magari non sono simpatizzanti della stessa corrente politica.
Vincenzo prima di morire ci teneva a fare sapere che lui ha lottato per farsi vaccinare e non voleva essere uno dei tanti raccomandati, ma voleva capire come soggetto fragile quando avrebbe ricevuto il vaccino Pfizer ma la risposta era sempre la stessa “bisogna attendere”. Se la priorità di chi vaccinare dipende dalla mano dell’uomo, queste devono farsi un esame di coscienza e vergognarsi. Svegliatevi”. (La famiglia Lippiello)

adsense – Responsive – Post Articolo