Brucia un’azienda di rifiuti di Sant’Antonio Abate, nel napoletano. Borrelli: “Troppi roghi dopo il lockdown. Servono più controlli. Abbiamo chiesto all’Arpac di monitorare l’aria di quella zona.”

adsense – Responsive Pre Articolo

Nella notte tra il 15 ed il 16 giugno è divampato un incendio di vaste proporzioni in un’azienda di rifiuti di Sant’Antonio Abate, nel napoletano.

Dalle fiamme si sono sprigionate densissime nubi nere di fumo che hanno sprigionato un odore nauseabondo. Sul luogo dell’incendio sono intervenuti i Vigli del Fuoco che sono riusciti, con diverse difficoltà, a domare le fiamme.

“Dopo il lockdown sono stati numerosi e di varia natura, alcuni molto sospetti, gli incendi che hanno colpito il nostro territorio. Si tratta di un fenomeno inquietante, i danni economici ed ambientali provocati da questi roghi cominciano ad essere molto preoccupanti, per questo chiediamo più controlli soprattutto per capire se sono di origine dolosa. Abbiamo inviato all’Arpac una richiesta per monitorare il livello di inquinanti presenti nell’atmosfera in quella zona, occorre capire l’entità del danno ambientale.”- ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

 

 

adsense – Responsive – Post Articolo