Calcio, Padova-Avellino. Mandorlini: “Il rigore non c’era, ad Avellino dovremo metterci il loro agonismo”.

adsense – Responsive Pre Articolo

di Lucio Ianniciello

Mister Mandorlini commenta così il match pareggiato dal suo Padova contro l’Avellino: “Noi siamo partiti col 4-3-3, le loro punte erano due terzini, aspettavano, è una squadra difficile, sgorbutica, abbiamo calciato tre-quattro volte e subito immeritatamente un calcio di rigore, a noi non è stato concesso. C’è stato il contraccolpo, qualcuno è dovuto uscire perché non ne aveva più e qualcosa è cambiato, non è andata più come prima. Nel finale ci sono state per noi due grandi palle gol, una parata e un tentativo di Curcio”.

La gara di ritorno, i gol fatti fuori casa non valgono doppio e quindi qualsiasi pareggio porterebbe ai tempi supplementari. Al mister non va proprio giù il fallo sanzionato a Della Latta su Maniero che ha causato il penalty per i lupi: “Il rigore non c’era. Non cambia niente, preme recuperare. Sarà un’altra battaglia. È il ritorno, ci giocheremo una stagione. Andremo lì, in casa loro sono diversi. Dovremo metterci l’agonismo, proprio come i nostri avversari ed essere più fortunati”.

adsense – Responsive – Post Articolo