Calcio, Serie D. Domani San Tommaso-Palermo, Liquidato: “Davide contro Golia, gara della vita”. Konate: “Non vedo l’ora di dare il mio contributo”.

adsense – Responsive Pre Articolo

di Lucio Ianniciello

Vigilia della storica partita contro il Palermo per il San Tommaso. Oggi e’ stato presentato anche il nuovo acquisto, la punta Amara Konate. Presenti, oltre al giocatore, il presidente Marco Cucciniello e il ds Del Gaudio. Quest’ultimo lo ha introdotto, prima delle parole di mister Liquidato: “Avevamo bisogno di una punta, Konate sposa in pieno le caratteristiche che la società cercava”.

Così esordisce il neo acquisto dei grifoni: “Ringrazio la dirigenza e il mister. Non vedo l’ora di dare il mio contributo per la salvezza. Del Palermo ci importa poco, dobbiamo pensare a noi”. Le sue condizioni e le caratteristiche: “Non ho ancora 90′ nelle gambe, 60 al massimo. Attacco la porta, me la cavo uno contro uno”. Perché ha sposato la causa San Tommaso: “Credo nel progetto, crediamo nella salvezza”. Il sistema di gioco che preferisce: “Mi piace giocare con 2 davanti, uno che attacca la profondità. Sono pronto a fare anche altre cose”. Konate è stato portato in Italia da una società importante come il Parma: “Li’ ho avuto sfortuna, poi c’è stato un infortunio. Sono stato girato in B, ci sono stati altri problemi per me. È il calcio”. Domani il San Tommaso affronterà una corazzata: “Nel calcio non c’è una squadra invincibile. Il mister ci sta facendo capire cosa dobbiamo fare. Si parte dallo 0-0, daremo il massimo”.

Liquidato è sorridente, con tanto di biglietti del match tra le mani: “Domani farò l’ultras, ho pagato per la partita, griderò e criticherò se serve”. Dopo gli scherzi, il tecnico baianese inquadra la gara storica che si disputerà a Pratola Serra: “Si gioca una sola volta. Loro sono di un’altra categoria. Dobbiamo fare leva sul match di Torre Annunziata. Se riusciamo a fare le stesse cose limando alcuni errori ce la possiamo giocare. Sappiamo che sarà Davide contro Golia”. All’andata vinsero 3-2 i siciliani: “Era un’altra partita, la seconda di campionato, la prima in casa per loro. I miei erano pieni di ansia, dopo 10′ eravamo sotto con un passivo importante. Poi ci siamo sbloccati e abbiamo fatto la nostra onesta figura. Ora il Palermo è la stessa squadra, hanno aggiunto qualcuno tipo Floriano che giochera’ domani. A noi è cambiato tantissimo, c’è ancora più forza. Un’altra partita contro il Palermo non ci sarà. E’ la partita dell’anno, della vita. Loro non verrano mai più a Pratola Serra”. Come si deve affrontare un avversario del genere: “Partita che si gioca da sé. Dobbiamo correre di più, tecnicamente c’è una differenza abissale. Noi siamo giovanissimi, ogni gara ha una sua storia. Spero e credo che l’impatto sia importante”.

Fa un appello ai tifosi: “Abbiamo bisogno di loro. Ho comprato due biglietti per la mia famiglia. Questo match è un vanto per il Rione. Questa società ha fatto grandi sacrifici, ha dato lustro. Ci aspettavamo di più, è vero. Ripartiremo domani. La salvezza sarebbe come vincere il campionato”. Considerazioni su Konate: “Domenica dopo la gara col Savoia chiesi un attaccante. Ringrazio direttore e presidente. Un giocatore che non avevamo in rosa. Speriamo ci sia il suo apporto. Lo sfrutteremo per le sue caratteristiche”. Liquidato poi svela: “La squadra sta bene, domani sarà ospite presso il Ristorante che ha appena aperto il presidente”. Notizie su Branicki: “Sarà della gara, non so se giocherà. Domenica scorsa ebbe delle problematiche, ci sarà abbondanza contro il Palermo. Cercheremo di dare minutaggio a Konate. È un po’ che non gioca”.

La sconfitta di Torre Annunziata, contro la vice capolista Savoia,  altra corazzata, ha lasciato comunque un po’ l’amaro in bocca: “Ero arrabbiato , abbiamo subito pochissimo. Sei corner per noi e 2 per loro. Proprio li’ dobbiamo migliorare, qualcosa non è andata. Abbiamo lavorato su questa fase. Le partite le voglio perdere perché l’avversario deve essere più bravo. Non possiamo regalare. A Torre Annunziata non si dovevano fare punti ma perdere in quel modo crea disagi”. Dal Savoia al Palermo: “Consapevoli di quello che abbiamo fatto domenica scorsa ma siamo tornati a casa a mani vuote. Domani vorrei fare una partita non buona e guadagnare dei punti”. Chiude il Presidente Marco Cucciniello: “L’ultima partita non l’ho vista. Konate è stata la ciliegina sulla torta. Ora non ci sono alibi. Mi aspetto una forte reazione dalla squadra”.

adsense – Responsive – Post Articolo