Celzi di Forino (Av): La festa di Sant’ Anna e l’antico rituale del “Ciuccio di Fuoco”

adsense – Responsive Pre Articolo

Tutto e ormai pronto per la festa di sant’Anna e San Gioacchino nella frazione  Celzi di Forino. Il 25- 26 e 27 luglio infatti, la piccola frazione si animerà di fede folclore, tradizione e anche gusto quest’ anno grazie ad una Sagra culinaria che farà rivivere i vecchi sapori locali. Ma come si suole dire, il piatto forte della tradizione è previsto per il giorno 26, festa liturgica di Sant’ Anna allorquando,  dapprima  ci sarà la classica  processione che si snoderà per le strade della borgata alle ore 20, a cui successivamente si accompagnerà la “Perla “del folclore locale, il Ciuccio di Fuoco di mezzanotte. Ma cosa sarà questo “Ciuccio di Fuoco” e nella realtà cosa è, e cosa rappresenta? Per ovviare a questo interrogativo ci riportiamo agli scrittori locali Gennaro Vespucci e Paolo D’Amato, i quali raccontano che l’usanza, per quello che si può conoscere, risale agli inizi del Novecento e non ha un particolare riferimento religioso o di costume. Ma, a quando risale e perché nasce il ciuccio di fuoco? E’ difficile rispondere a questa domanda. E’ una tradizione tipica dei comuni nostri limitrofi del salernitano, nella fattispecie di Acigliano di Mercato San Severino. Probabilmente ha a che fare con il commercio di animali da soma che una volta era molto diffuso tra le zone dell’avellinese e del salernitano. Infatti nella frazione sanseverinese la tradizione racconta che molti anni addietro alcuni mercanti di animali provenienti dall’avellinese, nel condurre degli asini da vendere sulla piazza di San Severino, si videro morire una delle bestie nei pressi di Acigliano. Quella presenza inusitata fece balenare negli aciglianesi l’idea di farsi beffa dei nemici pandolesi. Legarono una corda al collo dell’animale e lo trascinarono fino alle prime case di Pandola” Ritornando al nostro paese, dobbiamo ricordare l’importanza avuta per secoli dalla frazione Celzi quale stazione di posta e luogo di ristoro, posizionata in un punto strategico della strada dei Due Principati, qual’é il termine della salita della Laura e della relativa mulattiera. Si può supporre che il ciuccio di fuoco sia un evento importato e che a contatto con la cultura del luogo di adozione possa aver assunto significativi nuovi: festa propiziatoria di eventi legati al mondo contadino; cerimonia di purificazione; rovesciamento provvisorio di valori. In ogni caso siamo al cospetto della celebrazione di un rito la cui popolarità ed il cui radicamento hanno raggiunto livelli che prescindono dal mistero che circonda il suo contenuto simbolico. Il rito consiste nel trascinare una sagoma in ferro di un asino, bardato di fuochi d’artificio, tra due ali di folla vociante. Quello che viene a crearsi è un forte coinvolgimento emotivo sia da parte dei tiratori che del pubblico. In anni addietro la festa era anche accompagnata dalla cosiddetta sagra dello Zuzzero di Celzi, il cosiddetto gnocco , ma il suo sapore, l’antica ricetta di ingredienti con cui era composto dalle mastre massaie della piccola frazione di Forino, e gelosamente ad alcuno rivelata , ne facevano una particolarità culinaria unica nel suo genere”. Ritornando ai festeggiamenti di Sant’Anna sappiamo infine che il giorno 27 luglio alle ore 22.00 seguirà il concerto del noto cantante  “ SAL DA VINCI  ” a coronamento di davvero grandi festeggiamenti sia religiosi che civili. Daniele Biondi

Celzi di Forino (Av): La festa di Sant Anna e lantico rituale del Ciuccio di FuocoCelzi di Forino (Av): La festa di Sant Anna e lantico rituale del Ciuccio di FuocoCelzi di Forino (Av): La festa di Sant Anna e lantico rituale del Ciuccio di Fuoco

adsense – Responsive – Post Articolo