CIMITILE. “Uniti per la vittoria: lo sport come veicolo di pace”

adsense – Responsive Pre Articolo

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta l’articolo”]

CIMITILE. Uniti per la vittoria: lo sport come veicolo di pace“Uniti per la vittoria: lo sport come veicolo di pace” è il titolo del videoclip che ha visto protagonisti gli alunni delle classi 2D 2E 2A della scuola secondaria di primo grado del plesso “Guadagni” di Cimitile che è stato premiato il giorno 27 Gennaio 2020, giornata della Memoria, presso la Sala d’onore della Prefettura di Bologna, dinanzi ad autorità civili, militari, politiche e religiose. Il concorso nazionale, promosso dalla Fondazione Giovanni Grillo, giunto alla V edizione è intitolato alla memoria di Giovanni Grillo, soldato italiano deportato nei campi di concentramento nazisti. Il video, nato da un lavoro corale che ha coinvolto docenti ed alunni nell’analisi storica di uno dei momenti più tristi e nefasti della storia dell’umanità caratterizzato dall’avvento dei regimi totalitari, della seconda guerra mondiale e della Shoah, ha inteso celebrare il ruolo fondamentale che ha avuto l’Europa nella costruzione della pace e nel garantire la libertà. Il video, girato con il contributo di un genitore, racconta uno spaccato del regime nazista, le Olimpiadi di Berlino e le vicende di Jesse Owens che, nonostante tutto, grazie allo sport, lancia un messaggio di Pace stringendo un legame profondo con gli atleti tedeschi. Nel video è rappresentata una staffetta ed in particolare l’indifferenza di un atleta che si rifiuta di passare il testimone ad un suo compagno, perché straniero. È in quel momento che un ragazzino del pubblico raccoglie il testimone e la gara riprende. Il suo è un invito alla pace è un no all’Indifferenza, messaggio che poi sarà riproposto con la frase di Einstein:” l’unica razza che conosco è quella umana”. Ancora una volta la scuola si fa promotrice di valori civici e sociali, funzionali a garantire l’esercizio della cittadinanza attiva in contesti di insegnamento/apprendimento nei quali gli alunni diventano attori della conoscenza, acquisiscono competenze e riflettono sulla storia e sul valore della memoria quale forza motrice del divenire.

Il premio è stato ritirato da una rappresentanza degli alunni delle classi che hanno partecipato al concorso, accompagnati da alcuni genitori, dal presidente del Consiglio d’istituto Marcello De Ponte, dai docenti Fusco Paolina, Rosa Gallo, Domenico Della Pietra, coadiuvati dal vicepreside prof Anthony Frank Siano.

adsense – Responsive – Post Articolo