Coronavirus. Adria Ferries coordina il rientro dall’Albania di 99 cittadini, tra cui due medici albanesi volontari.

adsense – Responsive Pre Articolo

Questa mattina si sono concluse con successo le operazioni di attracco e di sbarco al Porto di Bari del traghetto della compagnia Adria Ferries che ha trasportato 99 persone, di cui 97 cittadini italiani e 2 medici volontari cittadini albanesi con regolare permesso di soggiorno e residenza in Italia, rimasti bloccati in Albania in seguito alle recenti misure di contenimento dell’emergenza sanitaria in essere.

Coronavirus. Adria Ferries coordina il rientro dallAlbania di 99 cittadini, tra cui due medici albanesi volontari.

( in piedi, Presidente Alberto Rossi di Adria Ferries, credit photo Carmen Guerriero)

Coronavirus. Adria Ferries coordina il rientro dallAlbania di 99 cittadini, tra cui due medici albanesi volontari.Tale procedura è stata autorizzata in via eccezionale dalle competenti Istituzioni e autorità albanesi al fine di permettere il rimpatrio in Italia di coloro che hanno segnalato all’Ambasciata di essere rimasti bloccati in Albania con il proprio veicolo, manifestando urgenti motivi per il rientro e gravissime necessità di ricongiungimento familiare. Tra loro anche due medici albanesi che hanno prontamente risposto alle chiamate delle proprie strutture sanitarie in Italia, facendo domanda di rientro immediato.

Coronavirus. Adria Ferries coordina il rientro dallAlbania di 99 cittadini, tra cui due medici albanesi volontari.Vorrei ringraziare le Istituzioni albanesi e italiane e la compagnia Adria Ferries che in un momento di grande difficoltà per tutti hanno permesso, in via eccezionale, il rimpatrio in Italia di connazionali e cittadini albanesi da tempo rimasti bloccati in Albania, con gravissime esigenze familiari che ne hanno giustificato il rientro” –ha dichiarato l’Ambasciatore Bucci. “In questo periodo di grande emergenza emerge con ancora più forza lo speciale rapporto tra i nostri Paesi e la grande solidarietà di un Paese amico come l’Albania. Un plauso speciale ai due medici albanesi che hanno deciso di rispondere immediatamente alle chiamate delle loro strutture sanitarie per aiutare i colleghi italiani, aggiungendosi al gruppo di 30 tra medici e infermieri inviato sabato dal Primo Ministro albanese Edi Rama”.

Per ogni richiesta di assistenza, l’indirizzo mail dedicato: tirana.assistenza@esteri.it.

Per tutti gli eventuali richiedenti, è necessario prendere attenta visione dell’ ultima ordinanza emanata dal Ministero della Salute di concerto con Il Ministero per le Infrastrutture e Trasporti lo scorso 28 marzo 2020 – consultabile sul sito https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/03/29/20A01921/sg in materia di rimpatrio in Italia e di spostamenti sul suolo italiano – modulo scaricabile al seguente indirizzo https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/nuovo_modello_autodichiarazione_26.03.2020_editabile.pdf.

Per ogni chiarimento ed ulteriore informazione vi invitiamo a consultare il sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, sul quale vengono costantemente aggiornate alcune domande e risposte di particolare interesse.

https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

Federica Guerriero

adsense – Responsive – Post Articolo