Covid 19, muore un 63enne di Avellino al Cotugno

adsense – Responsive Pre Articolo

Non ce l’ha fatta a vincere l’infezione Covid-19 dopo oltre due mesi di rianimazione e terapia intensiva al Cotugno. Un avelliense di 63 anni era stato trasferito in gravi condizioni, lo scorso 13 maggio, dalla rianimazione del Ruggi di Salerno. Classe 1957, di Avellino, era finito in terapia intensiva dopo un intervento chirurgico e la concomitante scoperta della positività al Coronavirus. Dopo un mese di ricovero, al perdurare dell’infezione, fu trasferito nell’hub partenopeo per le malattie infettive dove la positività al virus si è protratta per molte settimane. Da circa un mese e mezzo si era negativizzato ma le condizioni generali erano rimaste molto gravi.

Si tratta dell’ultimo dei pazienti della prima ondata epidemica ricoverato al Cotugno.

adsense – Responsive – Post Articolo