Dal “Bye Bye” di Anna Capasso, al suo Ciao Ciao per rivederci e risentirci

adsense – Responsive Pre Articolo

Soprattutto ascoltando e restando appassionati dal suo nuovo brano appena presentato

Veramente tanti i giornalisti della carta stampata, Web On line, Televisioni e radio accorsi al “Locale storico di Napoli – Gran Caffè Gambrinus” dirimpetto al Palazzo Reale e al Teatro di San Carlo, per seguire la presentazione del nuovo singolo “Bye Bye” della poliedrica cantautrice Anna Capasso, già da qualche giorno annunciato da una Napoli tappezzata di giganti manifesti. Nella maestosa sala, dove una volta si poteva godere il Caffè Chantant o l’Operetta, Anna ha presentato il suo ultimo lavoro, da lei stessa scritto insieme a Massimo D’Ambra e Vincenzo Sperlongano, ai mass media dell’informazione, seduti di fronte, un attento parterre di esperti di musica, teatro e cinema, ai quali hanno descritto i vari momenti di creazione del brano e della bellissima realizzazione del videoclip, girato nella incantevole baia di Positano. Anna Capasso, classe 1983, nata a Capua, ma da sempre residente a Napoli, è un’artista nota per la sua versatilità e poliedricità, ha lavorato per il teatro e per il cinema, ma il suo primo grande amore resta sempre la musica.

 “L’estate è bella perché si balla” dice Anna Capasso per presentare il suo nuovo singolo “Bye bye”. Un grande ritorno con un singolo accattivante ed un video che affascina per l’assortimento di bellezze che mixa per un cocktail esplosivo. Il fascino di Anna, le meraviglie della Costiera Amalfitana e auto da sogno si uniscono al ritmo di “Bye bye”, un pezzo apparentemente spensierato, ma che ad una lettura attenta lancia un messaggio a tutte quelle persone che restano ancorate ad un amore tossico senza saperne uscire. A tutti loro Anna dedica la sua hit dell’estate, invitandoli a coltivare l’autostima ed il rispetto per se stessi. Un impegno inconsueto per una canzone da cantare nella stagione calda ma Anna, complici il tono ed il ritmo del pezzo, lo riesce a trasmettere con la giusta leggerezza che è proprio quella che bisognerebbe recuperare per uscire da situazioni che spesso sono troppo pesanti. “L’amore non può essere tossico, l’amore deve essere felicità”, questo è il messaggio della cantante impegnata in questi giorni a promuovere il suo pezzo già disponibile su tutte le piattaforme digitali e su YouTube. Nel videoclip la cantautrice realizza quanto il proprio partner (interpretato dall’attore Ivan Castiglione) sia deleterio, riuscendo finalmente a lasciarlo e riprendendo in mano la propria spensieratezza e felicità.

Insieme ai protagonisti è intervenuta anche l’Assessore al patrimonio, ai lavori pubblici e ai giovani del Comune di Napoli Alessandra Clemente, tutti presentati da Isabel Zolli promozione radio, dell’ufficio stampa della cantante, “Parole& Dintorni” diretto da Valentina Federico. La Capasso, nel presentare, lei stessa, la Clemente per l’amicizia che le lega al di là della missione politica che da anni esercita l’Assessore che Anna conosceva prima dell’impegno in politica e ne era amica, ha voluto far notare i valori che lei come Alessandra hanno per l’amicizia vera, quella che al giorno d’oggi non è facile trovare, ma che per fortuna tante, tantissime persone posseggono e conservano, in particolar modo nelle nostre terre. Quella regione alla quale in primis hanno voluto dedicare sia Anna che Alessandra, un rapida ripresa dopo il COVID 19 per proiettare, in Italia ed oltre confini, le tante potenzialità che i nostri territori, le nostre persone, le nostre bellezze sia artistiche che naturali, unite all’artigianalità, ingegnosità, cultura, professionalità in tutti i campi, dal calcio alla gastronomia, teatro, cinema e ovviamente musica per la quale Napoli era protagonista nel mondo con un gran festival della canzone napoletana, hanno da sempre posseduto attirando simpatie e stime del mondo intero. Inoltre, l’impegno umanitario di queste due ultime donne citate è noto a tutti per le tante opportunità che si sono create per affrontare ed andare incontro al prossimo più bisognoso d’altri di attenzioni. Un impegno costante, che oltre i tanti obblighi volontari che affronta Anna e tante volte ha affrontato insieme ad Alessandra, vede ogni anno dal 2012 la realizzazione del premio nazionale “Arcobaleno Napoletano”, con la direzione artistica del giornalista del quotidiano ROMA Diego Paura, in collaborazione con Unicef e Lilt Napoli, e con la Fondazione Melanoma Onlus diretta dal professore Paolo Ascierto, oncologo e medico ricercatore dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, ancor più noto nell’intero Stivale in questo momento Coronavirus auguriamoci definitivamente passato.

Giuseppe De Girolamo

 

adsense – Responsive – Post Articolo