Energia elettrica. Torna l’incubo black-out a causa del caldo in tutto lo stivale

adsense – Responsive Pre Articolo

L’incubo black-out, a lanciare l’allarme, già qualche mese fa,  Entso-E, l’associazione degli operatori di rete europei.

Il sistema elettrico infatti a causa del picco di consumo dovuti anche all’uso dei condizionatori e al gran caldo di questi giorni potrebbe non reggere alle richieste determinando l’interruzione di energia.

“Rischi soprattutto per l’Italia centrale e il Nord” riferisce il Summer Outlook 2017 diffuso dall’associazione. Peggio del 2003. Perché qualcosa, nei nostri equilibri energetici, è drasticamente cambiato. Allora eravamo in sovracapacità produttiva, la riserva era abbondante e così la modulazione, cioè la capacità di adeguare velocemente la generazione elettrica alla richiesta.

Entso-E precisa che “i rischi sono dovuti alla ridotta capacità di generazione del nord e del centro-nord dell’Italia a causa delle recente chiusura di molti impianti e ai possibili flussi limitati nelle aree del Nord e del Sud” dopo lo stop tra il 2012 e il 2016 di impianti termo elettrici per una capacità installata circa 15 gigawatt, che ha portato la potenza totale degli impianti convenzionali da 77 a 62 GW “mentre altri 5 GW non sono disponibile a causa di restrizioni ambientali o legali”.

Terna ha previsto l’accensione temporanea di impianti in chiusura (in pre-allerta sono soprattutto le centrali dormienti nelle Marche, nel Lazio, in Calabria). Ma sono pronte a scattare anche azioni sul lato della domanda, ovvero possibili interruzioni per diminuire il carico non appena ce ne fosse bisogno. Emergenza, insomma. Che oltretutto minaccia di ripetersi sempre più spesso.

adsense – Responsive – Post Articolo