Forino (AV): Gian Franco Santucci un artista vero della Musica Popolare

adsense – Responsive Pre Articolo

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta l’articolo”]

Forino (AV): Gian Franco Santucci un artista vero della Musica PopolareSuona la tammorra con passione e rigore e così la   insegna.  Gian Franco Santucci, forinese doc musicista e ricercatore di musica popolare,  è  ormai assurdo ai palcoscenici nazionali per la sua maestria in arte musicale popolare.  Inconfondibile collaboratore del gruppo Spaccapaese e fondatore dei MeRitmiRì,  riesce con fierezza a rappresentare la sua terra,  Forino nei migliori palcoscenici italiani. Diversi i concerti sull’intero territorio nazionale,  disparatissimi i progetti portati avanti con Enti,  Ministeri Associazioni pubbliche per l’insegnamento della tradizione della musica popolare,  ma il maestro Santucci rimane sempre per tutti i forinesi,  Gian Franco “il ragazzo del popolo”. Una carriera nata gia’
alla “tenera età” di 12-13 anni con l’ascolto di suonatori anziani, legati alla tradizione, nella zona di Forino tra cui zia  “Nannina a Sciammereca, zia Giovannina a Collan guoll” che segnarono nell’animo Gian Franco Santucci, musicista, suonatore di tammorra, cantante di canzoni napoletane, e insegnante. E’ stato quello il primo input, la prima scossa, che poi negli anni si è trasformata in una reale passione. Poi verso i venti anni l’avvicinamento ai tamburelli e non era nemmeno facile trovare costruttori di   strumenti originali finchè Gian Franco non rintraccio’ un anziano e ne comprò due e, oltre per suonarli , cominciando a smontarli, a capirne i meccanismi per iniziare a rifarli da solo, ed era il 1994. Intanto la passione cresceva e si alimentava della frequentazione di persone che suonavano per tradizione nella zona di Pagani, Nocera, Terzigni …,e ascoltando i suoni e i racconti degli anziani, personaggi che potevano essere suoi maestri e che soprattutto venivano dalla terra, radice essenziale sia per quanto riguarda la musica che la danza stessa, imparo’ tanto  In quell’ ottica  e comincio’ a partecipare a gruppi di suonatori nelle feste e  a occuparsi di eventi in stile popolare. Con Francesca Trenta fondo’  la compagnia musicale MeRitmiRiti Meridione, ritmi e riti, e insieme ecco l’incisione  anche di tre cd “Dalle Radici al Suono”, ”Suoni del Lazio e della Campania” e “Verdaspina””. Come asserisce lo stesso Santucci
“Per suonare e ballare bene la tamurriata bisogna venire dalla terra  facendo incursioni anche sulla danza spiegando i sentimenti che si muovono sul quel ritmo profondo -. Nel rapporto danzatore- danzatrice si devono mostrare sentimenti di passione, quando la coppia è affiatata, e sentimenti di rispetto quando uomo e donna non si conoscono”.
“Oggi la diffusione della musica e danza popolare è massima, la richiesta crescente e che se della stessa ci sia una grande diffusione da una parte è un bene, perchè cresce la conoscenza di una cultura, ma quando si commercializza troppo ci si allontana dalle radici e ci si avvicina alla fine”. Vedere il maestro Gian Franco Santucci a Forino ormai è  un’utopia,  ma sapere che porta Forino e la sua gente  sempre  nel cuore, è  motivo di orgoglio per tutta la comunita’.  Grazie anche per questo caro “Gian Franco Maestro in arte della Musica Popolare”  Daniele Biondi.

adsense – Responsive – Post Articolo