FORINO: ECCO IL DATO SCATURITO DAL REGISTRO DEI TUMORI DELLA PROVINCIA, ASPETTANDO IL RAPPORTO DI DICEMBRE SULLO STUDIO DELLE MICRO AREE.

adsense – Responsive Pre Articolo

I numeri delle morti per cancro in Irpinia non sono allarmanti. O meglio: sarebbero migliori rispetto alla media italiana. Ma la mortalità resta molto alta, anche per la mancata prevenzione. Il tumore che colpisce più le donne irpine è quello alla mammella (16 per cento), per gli uomini, invece, a mietere vittime è quello ai polmoni (29 per cento), anche il più difficile da curare. Sono i numeri emersi dall’analisi del registro dei tumori in Irpinia. L’incontro questa mattina al Viva Hotel di Avellino, alla presenza del governatore, Vincenzo De Luca, dei vertici dell’Asl avellinese e dell’Azienda ospedaliera “Moscati”, di assessori e consiglieri regionali irpini, del presidente della Provincia, Domenico Gambacorta, del sindaco di Avellino, Vincenzo Ciampi, del collega di Solofra, Michele Vignola presidente provinciale dell’Ordine dei medici, Francesco Sellitto, di autorità militari e delle forze dell’ordine. Sono numeri significativi, anche se sono riferiti al triennio 2010/2012, ma è stato specificato che l’andamento anche per il 2018 è più o meno in linea con quei numeri. Non si tratta però di dati che riguardano le micro aree, e quindi non siamo in grado di specificare – e sarebbe stato importante – se quei numeri sono uguali anche per la Valle del Sabato o la Valle dell’Irno, dove più grandi sono le preoccupazioni per le conseguenze provocate ai cittadini dall’inquinamento. In Irpinia l’unico tumore ad avere una incidenza superiore rispetto alla media nazionale è quello alla tiroide. E Forino? Allo stato attuale , ragion per forza ci dobbiam rifare ai dati provinciali, con sempre la speranza che si possa quanto prima , approntare un’anagrafe comunale , delle morti per patologie tumorali, per rendersi conto se anche Forino possa effettivamente essere considerata nella media, oppure no. Questo lo si deve al cittadino forinese, ed alle future generazioni che abiteranno queste terre , per rendere edotte le loro e le nostre coscienze al fine di sapere se la terra dei Sette Colli e’ ancora quel lembo di terra lussureggiante ” Florida Fortitudo” , o debba essere ascritta nei nuovi libri di storia con qualche diverso epiteto. DANIELE BIONDI.

adsense – Responsive – Post Articolo