FORINO: la lunga attesa della struttura polivalente

adsense – Responsive Pre Articolo

FORINO: la lunga attesa della struttura polivalenteNegli anni successivi al sisma del 1980, un illustre benefattore donava al popolo di Forino un notevole appezzamento di terreno, dove successivamente, con gli aiuti dei paesi del comprensorio della Brianza veniva realizzata la struttura sportiva Polivalente, allo scopo di favorire la pratica sportiva e l’aggregazione sociale. Tale struttura è stata sede di numerose manifestazioni sportive anche di carattere provinciale, chi non ricorda il “torneo città di Forino” dove ad infiammare le calde serate estive si alternavano squadre di calcetto provenienti dai comuni limitrofi. Una vera e propria festa di paese, i bar si svuotavano, le gradinate si riempivano di spettatori, ognuno a tifare per i propri beniamini, tra una birra e un panino con salsiccia, si aspettava l’esibizione di “piccoli campioncini” o “glorie del calcio locali”. Ognuno dava sfogo alle proprie passioni calcistiche in una sana competizione sportiva. A rompere questa usanza che ormai andava avanti da anni furono improvvisamente alcuni allora illuminati amministratori comunali. Forino avrà finalmente un vero e sfavillante palazzetto dello sport. La struttura viene interessata da lavori di ampliamento, tali da rendere impossibile il suo utilizzo, viene aperto il cantiere, si decide di mettere mano alla costruzione di una faraonica struttura, il “Palazzetto dello sport”. Tra noi giovani e tra chi crede FORINO: la lunga attesa della struttura polivalentenello sport come momento di aggregazione, questo illuminato progetto, rappresenta un momento memorabile, molti di noi pensano: finalmente avremo una struttura coperta dove svolgere manifestazioni o gare sportive. Si alternano 2 o 3 amministrazioni comunali, tutte rette da Sindaci che vivono altrove. Passano anni e anni ma del palazzetto l’unica cosa che si vede è una struttura che rassomiglia più ad un giardino botanico che al tempio dello sport. La struttura polivalente diventa un cantiere mai finito, diciamo la Sagrada Familia Forinese. Nel giro di pochi mesi si infrangono le speranze di chi sognava. Tra fallimenti di imprese, deperimento delle strutture, fuscelli che diventano alberi, ai giovani sognatori non resta che sperare: “almeno ci metteranno le scimmie”. Una struttura costata centinaia e centinaia di migliaia di euro, ma tutto tace, tantissimi i buoni propositi per completare la colossale opera ma purtroppo come sempre vane parole sbandierate dai soliti incantatori di popolo. Con l’ultima intervista al Sindaco Nunziata sembra che qualcosa si muovi al verso giusto. Belle parole, tanti propositi che stavolta si spera non sia l’ennesima illusione.

DANIELE BIONDI

adsense – Responsive – Post Articolo