FORINO: Perchè non dedicare la fontana Iacuzio a luogo di “Città della Vita” del 30 novembre

adsense – Responsive Pre Articolo

Come deliberato in data 12 ottobre c.a la dottoressa D’Agostino, attuale reggente prefettizio del Comune di Forino, si è riuscito ad inserire la nostra cittadina nella rete mondiale “Città della vita” che si propone come scopo quello dell’abolizione della pena di morte. Ed in effetti la dottoressa D’Agostino nel deliberare quanto sopra, ha nel contempo proclamato il giorno 30 novembre c.a. la “Giornata cittadina di Città della Vita”che sarà celebrata da tutte le città del mondo aderenti al circuito. In effetti proprio per tale giornata, vale a dire il 30 novembre, sia la Comunità di Sant’Egidio quanto l’Anci propugnatrici della nobile rete, propongono e sollecitano le cittadine partecipanti, a dedicare un monumento, una piazza o un luogo simbolo all’iniziativa. Dunque quale migliore occasione per la nostra cittadina , non dedicare un luogo simbolo, anzi un monumento simbolo, la fontana Iacuzio antistante la Chiesa di Santo Stefano, da anni in totale degrado ed abbandono sarebbe come resuscitare davvero dalla morte, un bene comunitario tanto caro ai forinesi. Una fontana fatta realizzare, alla fine del 1800 dall’allora Sindaco don Alfonso Parise dall’ingegnere Iacuzio, lo stesso che ha costruire la torre civica. Si quella fontana che per decenni zampillava acqua ed albergavano, pesciolini di ogni genere, spazio di ritrovo perché anche attrattiva di famiglie con bambini e giovani. A mia memoria il ricordo di queste bellezze si ferma circa al 1998-99 ultima data cui qualche giudizioso amministratore dopo anni di abbandono decise la sua riattivazione anche se solo per importanti appuntamenti, quali Natale, Festa Patronale. Dunque ora si presenta l’ennesima occasione per tanti anzi per tutti, Comune, Scuola, Associazioni Culturali locali per dimostrare il vero attaccamento a questo paese, quale miglior modo di non rivederla riattivata proprio per il giorno 30 novembre giornata Internazionale contro la pena di morte. Si spera dunque che Forino non rimanga solo sulla carta, Città della Vita, ma che davvero riporti in vita un simbolo di unione, un simbolo di popolo quale è la “FONTANA IACUZIO”.
FORINO: Perchè non dedicare la fontana Iacuzio a luogo di Città della Vita del 30 novembreFORINO: Perchè non dedicare la fontana Iacuzio a luogo di Città della Vita del 30 novembreFORINO: Perchè non dedicare la fontana Iacuzio a luogo di Città della Vita del 30 novembre

 

adsense – Responsive – Post Articolo