FORINO(AV): INIZIO DI ANNO SCOLASTICO CON IL DILEMMA DELLE SCUOLE DI OGNI GRADO A NORMA

adsense – Responsive Pre Articolo

FORINO(AV):  INIZIO DI ANNO SCOLASTICO  CON IL DILEMMA DELLE SCUOLE DI OGNI GRADO A NORMAI terremoti prima o poi ritornano, ritornano sempre negli stessi luoghi, e questo è una certezza; non si conosce quando, ma prima o poi ritornano. Ritorna la conta dei morti, dei feriti, dei danni, dei tratti in salvo grazie all’efficiente macchina dei soccorsi ed agli immensi Vigili del Fuoco.
Si perché nel soccorso siamo ormai bravi. Ma la previsione e la prevenzione ? Due termini che ad ogni tragedia riecheggiano nelle nostre orecchie.
I terremoti non provocano morti, ma è la trascuratezza dei nostri territori che provoca danni, lutti e distruzione.
Ma intanto fra qualche settimana, con precisione il 10 settembre ripartirà, un nuovo anno scolastico ricco come sempre di preoccupazioni e dilemmi vari. Ma gli edifici scolastici della terra dei Sette Colli sono a norma oppure no? Quali sono le verità che tratteggiano la vicenda? Unica risposta potrebbe solo essere data, con presentazione da parte degli enti preposti delle relative documentazioni. Giusto per senso di trasparenza e maggiore tranquillità, verso quei genitori che per 270 giorni l’anno lasciano i loro figli, sotto la cosiddetta ” Podestà” scolastica.
Ogni cittadino deve allo stesso tempo sollecitare i propri enti ad adottare e, soprattutto, a pubblicizzare e divulgare adeguatamente, i piani comunali di protezione dei loro figli compresi documenti di staticità sismica nonché piani di evacuazione e sicurezza in caso di emergenza.
E’ il momento anche a Forino di lavorare tutti insieme comune , scuola , genitori con maggiore impegno per la diffusione dell’auto protezione, sensibilizzando le istituzioni a fare di più per la mitigazione del rischio, anche con decisioni impopolari e che potrebbero apparire inopportune . Ma ne va di mezzo la vita di ogni bambino . Oltre questo approntare adeguati Piani Comunali di Protezione Civile anche scolastici che siano provati e testati, aggiornati periodicamente, rendendo partecipe la Scuola al discorso procedurale di gestione delle emergenze”.
Tra i problemi maggiori, c’è quello di una scarsa cultura della sicurezza.
Ma oltre ai Piani di Sicurezza , utilissimi , primo punto principale e sul quale non si può transigere, che gli edifici scolastici diano piena e sicura affidabilità statico e strutturale, elemento che vale il 70% della incolumità fisica di ogni studente forinese. DANIELE BIONDI

adsense – Responsive – Post Articolo