Gettano uova e farina su una donna indifesa, poi si fanno una foto con lei e la mettono su Facebook

adsense – Responsive Pre Articolo

Un giovane di 17 anni che ha posato in una foto di gruppo accanto a una donna  che era stata bersagliata con farina e uova è stato condannato. L’immagine di Janice Morris, 49 anni, rannicchiata su una panchina del parco a Bury St Edmunds, nel Suffolk, ha suscitato l’indignazione pubblica dopo che è stata condivisa su Internet.

Cinque adolescenti hanno ammesso la loro parte nell’incidente dell’udienza, ma un sesto ragazzo ha negato e ha costretto la signora Morris a testimoniare in un precedente processo. La signora Morris ha detto al processo che l’incidente l’ha fatta sentire molto male. Il ragazzo è stato dichiarato colpevole di un reato di ordine pubblico ed è stato condannato giovedì alla magistratura di Ipswich a svolgere lavori socialmente utili per tre mesi.

Gli è stato inoltre ordinato di pagare alla signora Morris un risarcimento di 150 sterline e altre 640 in giudizio. Il giovane era uno dei quattro che posò nella fotografia che è stata condivisa online nel luglio 2018. Aveva negato affermando che la signora Morris era già coperta di farina prima del suo arrivo, ma il magistrato Sally Westwood ha detto che la foto “indica chiaramente (l’imputato) come membro del gruppo”. Ha aggiunto: “Non era uno spettatore, stava sorridendo, indicando la signora Morris”.

Gettano uova e farina su una donna indifesa, poi si fanno una foto con lei e la mettono su Facebook

Ai magistrati era stato anche detto che la signora Morris è schizofrenica e dipendente dall’alcol. L’imputato, che si è seduto accanto a suo padre in tribunale, ha detto in udienza che è andato alla stazione di polizia volontariamente dopo aver visto la foto su Facebook. Alla sua udienza di condanna, ha detto ai magistrati: “Mi sento molto maturo, non voglio tornare in un tribunale”. Secondo quanto riportato da Mirror, oggi il frequenta il college, ha un lavoro serale e va in palestra tre volte a settimana.

Suo padre ha detto all’udienza: “Le cose sono cambiate molto. Parliamo di più, controlliamo di più, ha cambiato amicizie, è completamente diverso.”. I quattro imputati hanno ammesso il reato in un’udienza precedente e sono stati condannati l’anno scorso. Il diciassettenne, un sedicenne e due quindicenni sono stati condannati ai servizi sociali.

adsense – Responsive – Post Articolo