IL MESTIERE DEI “BUTTADENTRO” : UNA PROFESSIONE IN CRESCENDO.

adsense – Responsive Pre Articolo

Nasce nella New York degli anni cinquanta, quando nel periodo del boom economico , la ristorazione aveva un fatturato altissimo e le attività del settore sbocciavano come fiori, nelle stesse strade, una accanto all’altra. Sono nati proprio lì, in quegli anni i “buttadentro “, che si occupavano, fuori ai ristoranti, di fare da attrazione per il locale, di far entrare quanta più gente possibile.
Il fenomeno si è poi , poco dopo, spostato in Europa, seguendo i passi di questa nuova formula di “vendita”, fino ad arrivare nella nostra Italia.
Nonostante il passare degli anni, nonostante il cambio delle strategie di marketing e comunicazione, sempre più innovativi, questa figura è rimasta invariata.
Nel vicoli storici di tutte le città d’Italia, passeggiando, ci si può imbattere facilmente nei “buttadentro”, forse spesso sottovalutati, in realtà in molti casi si tratta di persone che sanno parlare più lingue, capaci di in inventiva ed una creatività capace di coinvolgere i passanti ed anche figura di fiducia oltre che biglietto da visita importante per il locale stesso.
Nei quartieri storici di Napoli, si può assistere a veri e propri spettacoli che rimandano alla nostra cultura teatrale e musicale e nonostante vi siano strade dove i ristoranti si susseguono a distanza di un dito, ognuno di loro esegue il proprio compito senza nulla togliere agli altri, duelli pacifici che spesso sono fonte di attrazione e divertimento tra i passanti, specialmente nei turisti stranieri.
Un lavoro che richiede sempre buon umore e pazienza e che tra i suoi “contro” presenta anche la possibilità di essere risposti male e che può sortire l’effetto contrario e quindi allontanare possibili clienti dal locale.

Carla Carro

adsense – Responsive – Post Articolo