La Corte Costituzionale boccia il ‘Porcellum’.

adsense – Responsive Pre Articolo

Giudici: illegittimi premio maggioranza e liste bloccate. Camere possono fare nuova legge. Motivazioni nelle prossime settimane. Quagliariello: se stallo Camere, ci pensa governo. Letta: riforme per discorso fiducia. Berlusconi: ok se la prima è la giustizia; Consulta in mano a sinistra. M5S e Fdi: fermare lavori Camera. La Corte Costituzionale, chiamata a pronunciarsi sul Porcellum, ha dichiarato illegittimo sia il premio di maggioranza senza soglia sia le liste bloccate. Lo rende noto la Corte. La Corte costituzionale – si legge in una nota – ha dichiarato l’illegittimità costituzionale delle norme della legge n. 270/2005 che prevedono l’assegnazione di un premio di maggioranza – sia per la Camera dei Deputati che per il Senato della Repubblica – alla lista o alla coalizione di liste che abbiano ottenuto il maggior numero di voti e che non abbiano conseguito, almeno, alla Camera, 340 seggi e, al Senato, il 55% dei seggi assegnati a ciascuna Regione. La Corte ha altresì dichiarato l’illegittimità costituzionale delle norme che stabiliscono la presentazione di liste elettorali “bloccate”, nella parte in cui non consentono all’elettore di esprimere una preferenza.

“Resta fermo che il Parlamento può sempre approvare nuove leggi elettorali, secondo le proprie scelte politiche, nel rispetto dei principi costituzionali”. Lo afferma la Consulta, dopo aver bocciato il Porcellum. L’efficacia della sentenza della Corte Costituzionale sulla legge elettorale decorrerà dal momento in cui le motivazioni saranno pubblicate. Lo fa sapere la Corte in una nota

adsense – Responsive – Post Articolo