La Storia di una giovane mamma malata di tumore e L’hastag #zittocancro. Video

adsense – Responsive Pre Articolo

Buonasera, vi scrivo per raccontare la storia di una mia cara amica, Dykadja Paes, meglio chiamata Ka.
Succede che un giorno una giovane mamma, la nostra Ka, scopre di essersi ammalata, un tumore al seno triplo Negativo, così inizia la sua corsa con la vita, il test BRCA1 Positivo, la chemioterapia, la mastectomia bilaterale e scavo ascellare, il sentirsi stanca, gli effetti collaterali delle chemio, i capelli che cadono, la radioterapia. Succede che inizia le cure e le finisce….. Ma nemmeno a 4 mesi dalla fine delle cure, gli arriva la notizia dopo qualche accertamento fatto, perché aveva capito, così come la prima volta, che qualcosa non andava.
Scopre di avere delle metastasi. Il tumore in verità non era mai andato via, si era soltanto nascosto.   Sa, che dalle metastasi non si guarisce e che dovrà conviverci con loro, e provare con le cure sperimentali a vivere il più al lungo possibile. Ed ecco che la piccola Ka, dopo aver ricevuto questa terribile notizia, essersi sfogata e aver elaborato la cosa, qualche giorno dopo, quasi come se volesse esorcizzare quella notizia gli viene in mente una cosa.
L’hastag #zittocancro
Nato dalla voglia di reagire, è un’iniziativa partita dalla nostra amica/sorella Dykadja Paes, una bellissima ragazza Brasiliana che vive a Roma da 11 anni, sposata con Mauro, mamma di 2 bimbi piccoli. Ka, si è subito messa all’opera, si è fatta una foto con il gesto per dire zitto! E ha inviato la foto a delle amiche di Milano, Napoli, Roma, una foto che rappresenta la Sua forza di volontà nel sconfiggere questo male che non le lascia vivere serenamente la sua vita. Ed ecco che noi “sister” abbiamo subito accolto la sua iniziativa e l’abbiamo aiutata a diffonderla.. Zii, parenti, amici, amiche, mariti, bimbi e personaggi famosi, molti hanno partecipato con una foto e con l ‘hastag per scongiurare il male, con l’indice sulla bocca dicendo: “lui vuole gridare più forte di me? Io lo faccio stare zitto!
#zittocancro !!!!
Piano piano questa cosa è cresciuta, non credevamo così in fretta. Ka, è riuscita a unire Nord, Centro, Sud, Sudamerica, Bruxelles, insomma, gente sparsa per il mondo ma tutti uniti per uno stesso scopo: aiutare lei, per darle forza, per darle la carica e non farla sentire sola, ma anche per dare voce a noi, per aiutare chi soffre in silenzio perché ha paura di farsi vedere come si è! Perché la malattia, le cure ti trasformano, tutto questo serve per diffondere un messaggio di speranza, di forza, di RESILIENZA!
Dar voce a chi pur troppo ha perso qualcuno per questo male terribile. Per chi non c’e più.
Vogliamo con l’hastag #zittocancro, passare il messaggio di Ka, con la sua iniziativa, che con l’amicizia, l’unione e la voglia di vivere possa trasformare un dolore in un sorriso. TRASFORMARE IL TUTTO IN CORAGGIO. Che anche se tutto ci sembra perso, non dobbiamo permettere che il cancro ( chiamiamolo con il suo nome) gridi più forte di noi! Siamo più di questo, siamo piu di lui, siamo persone che non si arrenderanno di fronte a lui. Vogliamo inoltre dare un’esempio di positività e di spingere tante giovani donne a fare prevenzione e perché no a donare alle varie associazioni che si occupano della ricerca. Perché è grazie alla ricerca che noi possiamo curarci . Aiutateci a diffondere il progetto di Ka, diventato il progetto di tutte noi grazie a lei. Sosteniamola. #zittocancro #silenciocancer #dykadjapaes
(Magari il vostro aiuto con un articolo sul vostro portale di Bassa Irpinia potrebbe dare forza a tante ragazze per affrontare al meglio questo percorso duro  e tortuoso. grazie per l’attenzione. Se volte seguire la pagina di Ka si chiama Dykadja su FB e Instagram. In fede una sua cara amica Marika De Ponte).

adsense – Responsive – Post Articolo