M5S, Iovino: “Dopo aver escluso i neolaureati, Brunetta frena anche il piano lavoro in Campania”

adsense – Responsive Pre Articolo

“Quello che avrebbe dovuto essere un piano lavoro rivoluzionario per la Campania, si sta tramutando in un’autentica beffa. Sono oltre 1.800 i giovani, con curricula e competenze, che da un anno sono un riferimento negli enti locali in cui effettuano i loro stage, ma che ora rischiano di vedere vanificato ogni sforzo. La procedura che avrebbe dovuto semplificare l’iter, targato Brunetta, prevede infatti una nuova prova scritta in aggiunta a quella già superata per accedere allo stage. Un nuovo assurdo ostacolo per chi avrebbe dovuto concludere l’iter di formazione con una naturale stabilizzazione”. È l’accusa del deputato del Movimento 5 Stelle Luigi Iovino.

“Che per Brunetta questo non sia un Paese per i giovani – prosegue Iovino – era chiaro dall’introduzione del requisito dei titoli e delle esperienze professionali nel bando per l’assunzione di 2800 tecnici al Sud, tagliando fuori ragazzi meritevoli, ma che non hanno avuto risorse né tempo per conseguire master né per maturare esperienze lavorative. Auspico che siano ascoltate le parti sociali e che ci sia un ripensamento sia per il corso-concorso in Campania che per le paradossali procedure di assunzione nella Pubblica amministrazione”.

adsense – Responsive – Post Articolo