Messa in stato di accusa del presidente della Repubblica chiesta dalle forze politiche

adsense – Responsive Pre Articolo

La Lega, il Movimento Cinque Stelle e Fratelli d’Italia hanno fatto trapelare la volontà di mettere sotto stato d’accusa il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L’impeachment o messa in stato di accusa si fonderebbe sul presunto tradimento della Costituzione e degli interessi nazionali da parte del capo dello Stato.

Il riferimento esplicito delle forze politiche è all’articolo 90 della Costituzione:

Il Presidente della Repubblica non è responsabile degli atti compiuti nell’esercizio delle sue funzioni, tranne che per alto tradimento o per attentato alla Costituzione.

In tali casi è messo in stato di accusa dal Parlamento in seduta comune, a maggioranza assoluta dei suoi membri

La richiesta ufficiale è arrivata per prima dal profilo Facebook di Giorgia Meloni dove la leader di Fratelli d’Italia annuncia che: “Se il veto su Savona impedisse la formazione del governo chiederemo al Parlamento la messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica!”

Nella fase finale della diretta di Enrico Mentana, il direttore de il Tg La7 ha annunciato che fonti autorevoli del M5S hanno confermato che stanno valutando la messa in stato di accusa – impeachment del presidente della Repubblica e Capo dello Stato Sergio Mattarella.

adsense – Responsive – Post Articolo