“Meteo Saetta”, lo studio evolutivo degli indici termodinamici realizzato da due giovani campani. Ecco di cosa si tratta

adsense – Responsive Pre Articolo

Grande successo per l’edizione ”Meteo Saetta”, a cura di Fabio Marucci e Carlo Falzarano, due giovani campani, divulgatori scientifici in ambito meteorologico, seppur a livello amatoriale, ma che continuano a macinare visualizzazioni. Il loro seguito sui social è nazionale, contano oltre 37 mila seguaci su Instagram, inoltre gestiscono il gruppo targato ”Meteo Saetta” su Facebook, con oltre 3000 membri. Principalmente si occupano a designare lo studio evolutivo degli indici termodinamici per avere una maggiore risoluzione sullo sviluppo dei temporali, e fenomeni estremi in Campania, ma non solo, la loro attività è ben spinta su tutta Italia. Inoltre calcano scenari molto più tecnici per l’ampliamento di tendenze meteorologiche stagionali e mensili. Nella loro edizione, molto seguita ed apprezzata, tendono molto a valorizzare le loro radici campane, mettendole in primo piano ovunque. Sono in continuo contatto con gli enti istituzionali, tra cui anche il Sindaco di Benevento, Clemente Mastella, e Michele Napoletano, sindaco di Airola (BN), che hanno aderito alla partecipazione del loro progetto. Insomma, una garanzia del tutto nostrana sul fronte meteorologico, che la Campania e non solo, tendono a mettere in risalto.Meteo Saetta, lo studio evolutivo degli indici termodinamici realizzato da due giovani campani. Ecco di cosa si trattaMeteo Saetta, lo studio evolutivo degli indici termodinamici realizzato da due giovani campani. Ecco di cosa si tratta

 

adsense – Responsive – Post Articolo