Napoli-Chievo, clamorosa rimonta nel recupero, quanto tutto sembrava finito uno due della squadra di Sarri.

adsense – Responsive Pre Articolo

Il Napoli grazie a una clamorosa rimonta negli ultimi minuti supera il Chievo per 2-1 e continua a sperare nello scudetto: la Juve resta a 4 lunghezze. I partenopei dominano ma sprecano, sbagliando un calcio di rigore con Mertens: Stepinski trova il vantaggio degli ospiti nella ripresa, ribaltato allo scadere da Milik (90′) e Diawara (93′).

La squadra di Sarri domina il primo tempo ma sbaglia tutto sotto porta. Il Napoli crea occasioni a raffica, sprecando con Callejon, che al 16′ da pochi passi spara alto sopra la traversa, e Hamsik, che per due volte viene chiuso dalla difesa clivense sul tiro a botta sicura. Prima dell’intervallo ci provano ancora Insigne e Mertens, disinnescati da Sorrentino.

Ripresa, la porta del Chievo diventa stregata per il Napoli: Insigne si divora l’1-0 al 48′, tirando debolmente nelle braccia del numero uno gialloblu. Al 50′ Mertens si guadagna un rigore ma poi lo sbaglia, facendosi incantare da Sorrentino. L’errore del bomber belga gela il San Paolo e condiziona negativamente i partenopei, che cominciano a faticare anche nel creare occasioni per fare male agli ospiti.

Sarri butta nella mischia Milik per dare la sveglia ai suoi, proprio il polacco ha una buona chance al 70′ ma il suo tiro di prima viene respinto da Milik.

Al 73′ il clamoroso vantaggio clivense: Koulibaly e Tonelli perdono palla, l’ex dal dente avvelenato Giaccherini recupera la sfera e serve l’assist a Stepinski, che salta Mario Rui e batte Reina. Il Napoli prova a reagire, ma Tonelli conferma la giornata no della squadra azzurra colpendo la traversa di testa sugli sviluppi di un corner.

Ma Milik è una furia e al 90′ i padroni di casa trovano il pareggio: lancio spettacolare di Insigne, il polacco di testa spedisce in rete trovando l’1-1.

Ultimi minuti di forcing disperato del Napoli, gli azzurri all’arma bianca trovano la rete della vittoria a 30 secondi dal triplice fischio con Diawara.

Nelle altre due partite della domenica pomeriggio, vittorie cruciali in chiave salvezza per Crotone e Verona: la squadra di Zenga piega per 1-0 il Bologna con Simy, agli scaligeri basta invece il rigore di Romulo per imporsi sul Cagliari. La classifica ora recita: Sassuolo e Cagliari 29, Spal e Crotone 27, Verona 25 e Benevento 13. E’ tutto riaperto.

adsense – Responsive – Post Articolo