NAPOLI. La pandemia non ferma il contrabbando. Arrestato un pluripregiudicato e sequestrati 440 kg. di sigarette.

adsense – Responsive Pre Articolo

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha tratto in arresto un pluripregiudicato 62enne di Napoli residente a Trentola Ducenta (Caserta), già conosciuto per precedenti episodi di contrabbando, ricettazione, truffa e reati economico-finanziari, e sequestrato 440 Kg. di sigarette di contrabbando.

L’operazione è stata condotta dai “Baschi verdi” del Gruppo Pronto Impiego che, durante la costante attività di controllo economico del territorio, hanno notato all’altezza dell’uscita Torre Annunziata nord dell’autostrada A3, un furgone avanzare ad alta velocità.

Grazie al tempestivo intervento della pattuglia e alla conseguente ispezione del veicolo commerciale è stato scoperto, nel vano, sistemato in diversi teli di plastica di colore nero, il carico di “bionde” di contrabbando, del noto marchio “Chesterfield”.

La Provincia partenopea si conferma importante “hub“ di transito delle sigarette verso altre città del nostro Paese e zona di consumo particolarmente radicato.

Nel corso del 2020, infatti, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha effettuato 937 interventi, sequestrato quasi 32 tonnellate di tabacchi, 38 mezzi di trasporto, denunciato 774 soggetti, di cui 84 tratti in arresto; numeri che denotano un trend stabile rispetto al 2019 e che inducono a ritenere che il mercato illegale dei prodotti da fumo, nonostante la pandemia, non abbia subito sostanziali contrazioni.

adsense – Responsive – Post Articolo