Nato ad Avella ed emirato negli Stati Uniti. Carmine Vittoria è l’autore del libro: L’Italia della mia infanzia.

adsense – Responsive Pre Articolo

Nato ad Avella ed emirato negli Stati Uniti. Carmine Vittoria è lautore del libro: LItalia della mia infanzia.Carmine Vittoria, professore in pensione della Northeastern University di Boston, nato ad Avella nel 1940 ed emigrato negli Stati Uniti undicenne, ripercorre le fasi della sua infanzia nella terra natale ai tempi amari della Seconda guerra mondiale. Il pregio di questa scrittura autobiografica è il continuo rimbalzare tra fatti privati del narratore e noti eventi storici nazionali e internazionali degli anni quaranta. La voce narrante cerca in continuazione chiarimenti per focalizzare i ricordi sfocati di un bambino, cresciuto senza il padre, giovane caporale morto durante un bombardamento in Libia. Il piccolo protagonista, conosciuto da tutti come Capitaniello, cresce con la mamma in una comunità di pastori e con il nonno paterno, che abita al centro del paese e che diviene quasi una figura mitica.

I ricordi dell’infanzia vengono rapportati a noti fatti storici, che hanno richiesto all’autore anni di studio e di ricerche. E’, come se il sé adulto abbia sentito forte il bisogno di ricollegarsi al proprio passato, cercando di mettere insieme le tessere di un complesso puzzle. Il libro riesce nell’intento di collegare fatti privati al flusso della narrazione storica della guerra, dimostrando quanto la storia, oltre ad essere decisa da grandi strateghi, sia compiuta da tutti, anche dai più umili che vivono nelle zone più remote di un Paese. Tali testimonianze dal basso ne arricchiscono la narrazione ampliandone la prospettiva. Il testo si presenta ben bilanciato nell’intento di districare il groviglio di un complesso periodo storico, non soltanto italiano ma mondiale. Il narratore non salva nessuno se non gli ultimi della popolazione che in qualche modo hanno reagito cercando di non soccombere agli eventi. “Ci arrangiamo per sopravvivere”, è l’incipit del libro, vera essenza di tutta la narrazione.

Secondo un vecchio proverbio napoletano, che recita più o meno così: “Con un po’ di verità, a volte è possibile nascondere una grande menzogna”. Nella campagna mediterranea degli eserciti alleati, la piccola verità riguardava il fatto che la Sardegna fosse al limite della copertura aerea rispetto alla Sicilia. La grande bugia, invece, era che l’isola fosse occupata dalle truppe tedesche, le quali in realtà se ne erano andate agli inizi di settembre del ‘43. Se gli Alleati avessero invaso la Sardegna avrebbero accorciato la guerra, ridotto al minimo le perdite americane, intrappolato l’intero esercito tedesco a sud di Roma, evitato le catastrofi di Salerno, Anzio e Cassino, e risparmiato molte sofferenze e miseria al Sud Italia.

Carmine Vittoria è professore emerito negli studi sui materiali magnetici a microonde e autore di tre libri scientifici, di un libro sul calcio e di oltre 400 pubblicazioni scientifiche su riviste specializzate. È Life Fellow dell’IEEE (Institute of Electronic and Electrical Engineering), Fellow dell’APS (American Physical Society) e ha ricevuto numerosi premi scientifici.

E’ possibile acquistare: “Dal Caffè Di Cicoria al Dolce Espresso: L’Italia della Mia Infanzia” su Amazon.

Nato ad Avella ed emirato negli Stati Uniti. Carmine Vittoria è lautore del libro: LItalia della mia infanzia.

 

RECENSIONI

“Notevolmente ben studiato e sapientemente scritto. Il libro offre una prospettiva diversa della guerra rispetto a qualsiasi cosa un lettore abbia probabilmente sperimentato prima ”- David Cavaliere, Italian Tribune Newspaper.

“Vittoria ha iniettato realismo e umanesimo negli eventi della guerra che si svolgono nell’area di Napoli” – Pamela Donnaruma, Boston Post-Gazette Newspaper.

“I ricordi di Vittoria da bambina nella guerra – e specialmente in Italia – offrono una prospettiva unica anche per gli studiosi della Seconda Guerra Mondiale più esperti” – Danielle DeSimone, Ambasciatore (NIAF).

“Ha scritto questo libro perché la storia completa della seconda guerra mondiale nell’area di Napoli non è ancora stata raccontata” – P. Ezio Marchetto, rivista Voce Italiana.

“Sebbene ci sia ben poco in termini di storia dell’aviazione in Bitter Chicory a Sweet Espresso, c’è una madre di esperienze e comprensioni per l’aspetto solitamente ignorato della guerra – quello dei civili” – Joseph May, rivista Travel for Aircraft.

“Osservazioni e approfondimenti notevoli” – Kelly Josephsen, Key Biscayne Islander News.

“Attraverso queste esperienze personali sullo sfondo della storia, Vittoria è in grado di mettere i lettori nei panni di un bambino offrendo loro la prospettiva di un uomo che invecchia”. – Miles Ryan Fisher, caporedattore della rivista italiana in America.

“Grazie per aver scritto il libro.” – Lettori.

“Ho finito questo libro più importante e interessante da molto tempo. So molto di W W ll, grazie a mio marito, che veniva dall’Austria-Polonia, ma non sapevo davvero nulla di come fosse in Italia. Ho diversi amici italiani, ma non mi hanno mai detto nulla e provenivano principalmente da Milano, Torino e Bergamo.

… ..Penso che il tuo libro abbia dato luce a così tante cose che la gente non sa, ……. ” Un lettore. “Carmine Vittoria ha da tempo sentito che la storia completa della seconda guerra mondiale nell’area di Napoli non era ancora stata raccontata. Il suo rimedio era quello di scrivere “Cicoria agrodolce a Sweet Espresso: Sopravvivenza e liberazione a Napoli, Italia, Area, 1940-1949”. Paul Basile, Fra Noi Magazine, Chicago. “Come ci si potrebbe aspettare, la visione del narratore / bambino di eventi a volte orribili è spesso incomprensibile, alla ricerca di un significato dove, in realtà, gli eventi sfidano la comprensione. È un effetto che a volte può essere esasperante, perché la voce narrativa torna ancora e ancora a ricordi indelebili che non possono essere cancellati … “. R. A. Hauser, attore cinematografico, regista, produttore, produttore PBS a Boston e studioso di Yale. Mi è piaciuto moltissimo leggere il tuo libro. La tua narrazione sulla tua infanzia durante e dopo la guerra è affascinante come rivelando ogni dettaglio di essa … l’assurdità della guerra e il suo danno collaterale e come ha impedito la stabilità a lungo termine … Il tuo libro ora mi fa visitare Avella e dintorni. Anche se mi piace il caos, il rumore e il traffico che appartiene a Napoli. Ad ogni modo, il tuo libro è un toccasana e un must per tutti! Non avevo idea dei goumiers, questa era una novità per me. Il modo in cui si svolge la tua vita … straziante come quasi comico – grazie a Felice e al sindaco di Suora, dopo tutto l’educazione era rigorosa e fornita. Personaggi italiani come tua madre Francesca … non potrebbe essere migliore e, infine, il calcio !!!! Sei un’ispirazione intellettuale …. tutti questi dettagli. È assolutamente da leggere!

Un altro lettore

Cicoria amara a Espresso dolce di Carmine Vittoria. Key Biscayne: Purpo, Inc. 2017. 329 pp.

Recensione di Philip Cioffari

William Paterson University

Carmine Vittoria ha scritto un libro ben studiato, accuratamente ricordato e dettagliato sul decennio degli anni ’40, mentre si svolgeva nella città di Avella, nel sud Italia. È in parte storia familiare, in parte ricordo personale e in parte storia della seconda guerra mondiale nella regione napoletana. In quanto tale, è un lavoro completo denso di fatti, storie di famiglia, intuizioni e conclusioni personali. In definitiva, è un resoconto di come la sua famiglia e lui – così come la stessa città di Avella – sono sopravvissuti alla guerra e alle sue conseguenze.

La struttura del libro è composta da tre sezioni principali: The War Period, 1940-44; The Transition Period, 1944-46; e The Recovery Period, 1946-48. Le appendici includono: una tabella del suo albero genealogico; mappe della regione napoletana; una cronologia dei fatti storici relativi alla guerra, dal 1920 al 1948; un’ampia bibliografia che comprende studi sulla guerra, il Vaticano, la politica dell’epoca, la mafia e la camorra; e un indice per un facile accesso al materiale.

Nella sua raccolta di fatti storici, il libro è senza dubbio impressionante; e ancora più impressionante è la capacità dell’autore di assemblare i pezzi del puzzle di quel periodo della storia italiana e mostrare come si intersecano. Lo fa in modo logico e comprensibile. Forse le sezioni più toccanti del libro sono quelle che riguardano la famiglia dell’autore e l’effetto che la guerra ha avuto su di loro: in particolare la morte di suo padre che è stato ucciso a seguito di un’incursione britannica in un ospedale militare in Libia dove era di stanza ; la morte di sua sorella Caterina perché la città mancava degli antibiotici necessari per arginare un’infezione; e la morte di sua nonna che fu investita da un camion tedesco per le strade di Avella, una delle innumerevoli indignazioni che la sua famiglia e la città subirono a causa dell’occupazione tedesca.

Meno tragica, ma impegnativa in modo diverso, fu la mancanza di cibo durante la guerra, la loro dieta consisteva principalmente di polenta cosparsa di formaggio, servita a colazione, pranzo e cena. La domenica, la salsa di pomodoro veniva spalmata sul pane di polenta per far sembrare che fosse un piatto di pasta. Il caffè fatto con piante di cicoria essiccate, una birra amara, sostituì i chicchi di caffè che non erano disponibili e alla fine anche la cicoria divenne difficile da ottenere. I macellai dovevano improvvisare, scuoiare i gatti e venderli come conigli. Il nonno gli insegnò a guardare le zampe, al fine di determinare che tipo di carne pendeva dai ganci del macellaio.

La speranza ritorna quando i fascisti vengono scacciati e la guerra finisce. Le aziende ricominciano a spuntare in tutta la città: enoteche, un caffè per incontri sociali, persino un cinema. Vengono riprese le feste religiose, sponsorizzate dalle chiese, eventi di tre giorni in onore di vari santi. Suo nonno apre un negozio che vende vino e formaggi locali. Il caffè dei veri chicchi di caffè è di nuovo disponibile, l’odore dei chicchi di torrefazione è molto gradito. E il finale più felice si verifica alla fine del decennio quando l’autore e sua madre raggiungono gli Stati Uniti, con la sua opportunità, la possibilità per l’autore di proseguire gli studi e infine frequentare un’università, un’opzione che non avrebbe avuto se era rimasto ad Avella.

Tanto storia della città e della regione quanto personale, questa è un’opera importante, necessaria. Rivela lo spirito umano di fronte alle avversità. Come ci ricorda il credo napoletano che funge da epigrafia: Ci arrangiamo. Ci adattiamo per sopravvivere.

Nato ad Avella ed emirato negli Stati Uniti. Carmine Vittoria è lautore del libro: LItalia della mia infanzia.

adsense – Responsive – Post Articolo