NOLA. Festa e Notte dei musei, aperto anche quello nolano che propone per il 19 e 20 maggio: “L’uomo e il cibo, dal neolitico al Medioevo”

adsense – Responsive Pre Articolo

Nel museo storico archeologico di Nola, sabato 19 maggio alle 16  verrà  inaugurata l’esposizione che racconta cosa e come mangiavano i nostri antenati, attraverso i reperti provenienti dall’Ager Nolanus, uno dei più antichi e fertili territori campani. La mostra, condotta con indagine scientifica,  guida alla scoperta del mondo del cibo e in particolare del vino, una delle bevande più commerciate e utilizzate nel mondo antico. L’allestimento propone  un percorso completo sulla storia delle abitudini alimentari dei popoli e delle importanti civiltà che si sono sviluppate su questo territorio. Nel corso della giornata i visitatori potranno partecipare alle visite guidate per conoscere l’importante patrimonio archeologico conservato al museo.

Si proseguirà poi con #scattoalmuseo, un luogo, un ricordo, un’emozione. –Dalle ore 19.30-22.30 nel Salone Vaccaro del museo, premiazione e inaugurazione della mostra delle opere vincitrici del contest fotografico dedicato alla passione per la fotografia unita all’arte, alla cultura e allo spirito creativo,  a cura dell’Associazione Culturale Ideatoria. Le opere dei partecipanti sono state selezionate da un’apposita giuria tecnica. Il museo ospiterà anche un’interessante laboratorio per provare a lavorare la ceramica e la cartapesta.

Il Museo storico archeologico di Nola sarà aperto anche domenica 20 maggio dalle ore 9,00 dove si terrà la mostra “L’uomo e il cibo”. Nel  corso della giornata sarà possibile partecipare alle visite guidate alla mostra per conoscere cosa e come mangiavano gli antichi abitanti dell’Ager Nolanus, uno dei più antichi e fertili territori campani. L’allestimento propone  un percorso completo sulla storia delle abitudini alimentari dei popoli e delle importanti civiltà che si sono sviluppate su questo territorio

 

adsense – Responsive – Post Articolo