NOLA. Il sindaco Minieri chiarisce la questione delle 11 persone in quarantena domiciliare: “Non creiamo allarmismi”

adsense – Responsive Pre Articolo

Il sindaco Gaetano Minieri di Nola interviene sulla questione delle 11 persone in quarantena domiciliare nella città dei Gigli dopo il post del capogruppo di minoranza Cinzia Trinchese che riteneva che la popolazione andava informata. Ecco cosa ha scritto sul proprio profilo Facebook.

“A chiarimento dell’allarmismo che si tenta di creare volevo specificare che: Le 11 persone individuate (una oggi è scaduta, quindi oggi sono 10) sono cittadini messi in quarantena, a scopo precauzionale, direttamente dall’ ASL in attuazione dei protocolli in essere.
Si ritiene utile precisare che, in ogni caso, si tratta di cittadini, per la gran parte, rientranti dall’ estero.
Non bisogna confondere i positivi con l’isolamento fiduciario – che ha il solo scopo precauzionale.
E’ già la seconda volta che il Gruppo Consiliare di opposizione crea inutili allarmismi (vedi post della pagina gruppo consiliare di opposizione del 10 aprile 2020) quando furono confusi i tamponi effettuati nel laboratorio di Nola con i positivi residenti nel Comune di Nola.
In ogni caso la situazione è sempre monitorata in sinergia con l’ ASL e le Autorità competenti sul territorio”.

adsense – Responsive – Post Articolo