Officina della Speranza: a Nola artisti e sportivi in campo per la ricerca Cinque giorni di attività per il Bambino Gesù di Roma

adsense – Responsive Pre Articolo

Sportivi ed artisti in campo per la solidarietà. Tutto pronto per la partita del cuore in programma giovedì 7 giugno a Nola a partire dalle ore 18 nello stadio dello sporting Club di via Seminario. A sfidarsi la squadra del Nola Calcio contro una formazione di vecchie glorie bianconere ed una rappresentanza di attori e cantanti napoletani. L’evento sportivo, condotto da Luca Sepe di Radio Kiss Kiss Napoli e promosso dalla libreria indipendente Bibì&Cocò di Nola con il gruppo Yeshome dell’imprenditore Franceso Napolitano, servirà a raccogliere fondi per la fondazione del Bambino Gesù di Roma che sostiene il reparto di pediatria dell’omonimo ospedale. Non solo sport ma anche cultura e teatro. L’appuntamento di giovedì infatti rappresenta il clou di una serie di iniziative che si articoleranno in cinque giornate. Si incomincia martedì 5 con “I Piccoli Corti – di e con la Casa dei Conigli”. Mercoledì 6, invece, in scena uno spettacolo teatrale con i piccoli attori della compagnia teatrale Pipariello nel salone del museo storico archeologico di via Senatore Cocozza. Si continua venerdì 8 con un momento riservato alla prof.ssa Concetta Quintarelli, ricercatrice del reparto di oncoematologia pediatrica, che racconterà la sua esperienza e parlerà dei risultati ottenuti tramite una nuova terapia genica.

Officina della Speranza, questo il titolo dell’intero programma, si concluderà sabato 9 giugno con uno spettacolo per bambini dell’artista Lucy Kay presso la sede della Libreria Bibì&Coco di Nola.

“Chi ha vissuto una terribile esperienza può testimoniare la bellezza di chi, ogni giorno, sacrifica la propria professionalità a servizio dei bambini, affetti da qualsiasi tipo di malattia – spiegano Carmela Cassese e Stefania Stefanile, tra le organizzatrici dell’iniziativa Officina della Speranza – Il Bambino Gesù è l’isola della speranza ed è per tale motivo che con il nostro programma intendiamo alimentare questo sentimento affinché la luce non si spenga mai”.
“Questo è un evento da non perdere che, al di la della gara sportiva, vede la ricerca e la cura convivere fianco a fianco per combattere nel modo più efficace possibile la difficile battaglia contro il male del secolo – spiega l’imprenditore Francesco Napolitano – Sono certo che la sensibilità e la generosità dei nolani, e non solo, ci aiuterà a raggiungere un importante traguardo che, nella terra dei fuochi, ha un significato ancora più grande. Insieme si può. Sosteniamo e condividiamo questa iniziativa”.

adsense – Responsive – Post Articolo