Petruro di Forino (Av): La “Juta” al Monte Faliesi dell’8 maggio nella devozione a San Michele Arcangelo. Video e Foto

adsense – Responsive Pre Articolo

L’otto maggio è, da secoli, il giorno della salita al Monte Faliesi per i fedeli di  Contrada e Forino, che alle prime luci dell’ alba,  iniziano a salire lungo i pendii del Sacro Monte dell’ Arcangelo San Michele, fino in cima per raggiungere il vetusto Santuario, l’antica grotta longobarda scavata nella roccia a devozione ed in ringraziamento della vittoriosa battaglia dei guerrieri Longobardi contro i Bizantini, nella cruenta ” Battaglia di Forino del 663 d.C. in cui perirono quasi 20.000 persone, così come riporta Paolo Diacono nella sua “Historia Longobardorum”.
Ed anche ieri, 8 maggio, nulla e niente hanno fermato i pellegrini,  arcigni a rimembrare nei ritmi di festa, nei  canti ,nei balli nelle preghiere, l’Arcangelo Michele.  Una grande devozione  comprensibilmente forte , accanita, visto che la cima del Monte e’ per la precisione  a 900 metri di altitudine ,  in un sentiero che può essere percorso soltanto a piedi , dove uno spettacolo mozzafiato ridona al Pellegrino , persi momenti di ascesi e paesaggi naturalistici di una bellezza ineguagliabile.
Un’ora di cammino inerpicandosi per il Monte Faliesi dove si attraversano faggi, ginestre,  castagni, piccole cappelle scavate nella roccia.   E piu’ sopra,  verso la cima, le due mulattiere che provengono dai due versanti di Forino e Contrada: da qui salgono al santuario le due statue di San Michele Arcangelo “di Petruro e di Contrada” portate a spalla dalle rispettive parrocchie  che si incontrano sul monte, tra la grotta dei Longobardi e il crocifisso illuminato, dove un piccolo e semplice santuario dedicato al culto dell’Arcangelo attende lo stanco pellegrino per il meritato ristoro. Si prega , suonano le campane in mezzo ai narcisi bianchi. Possiamo davvero dire, un’altra juta  simile,  ma non uguale a quella in onore di Mamma Schiavona, che come tanti riti di devozione racchiude in se storie e leggende, magia e mito,  fede e folclore in “un’arcana” celebrazione secolare  cominciata con i guerrieri longobardi, proseguita da contadini e taglialegna che erano di casa sul Faliesi, e portata avanti oggi da devoti a San Michele, ma anche da curiosi camminatori che aspettano il giorno della festa per andare a vedere dove si incontrano ancora l’ antico ed il contemporaneo. Daniele Biondi

Petruro di Forino (Av): La Juta al Monte Faliesi dell8 maggio nella devozione a San Michele Arcangelo. Video e Foto Petruro di Forino (Av): La Juta al Monte Faliesi dell8 maggio nella devozione a San Michele Arcangelo. Video e Foto

Petruro di Forino (Av): La Juta al Monte Faliesi dell8 maggio nella devozione a San Michele Arcangelo. Video e Foto

adsense – Responsive – Post Articolo