Più strade dedicate a donne. Il gap di genere anche sulle nostre vie. Solo il 7 % attribuite a nomi femminili

adsense – Responsive Pre Articolo

Quante vie che percorriamo ogni giorno o che attraversiamo la prima volta sono dedicate a donne? Forse non ce lo siamo mai chiesti, ma il gap di genere riguarda anche le nostre strade: solo il 7 % sarebbero attribuite a personalità femminili di cui la maggior parte Sante, Madonne e martiri. Tra le migliaia di denominazioni, mancano tante personalità o, comunque nomi di donne che meriterebbero d’indicare i nostri percorsi quotidiani e che, al contrario, una società storicamente maschilista ce l’ha negato. Tanto che da alcune di queste considerazioni è nata persino un’associazione dall’eloquente e quantomai pertinente denominazione “Toponomastica Femminile” che con la sua attività sta portando avanti numerose iniziative per superare questa differenza sedimentatasi nei secoli sulle vie nostrane e che merita di segnare il passo. Ed allora è un dovere di tutti gli amministratori locali di grandi e piccole città, dal Settentrione al Mezzogiorno, e d’ora in avanti, dedicare sempre più strade alle tante donne che nel corso della nostra storia hanno lasciato un segno. Anche da questa nuova toponomastica si potrà contribuire a cambiare questa sedimentata e arcaica cultura della differenza.

 

adsense – Responsive – Post Articolo