Pratola Serra. Al Centro servizi Moccia, arte e cultura del territorio

adsense – Responsive Pre Articolo

In mostra le splendide creazioni di Cettina Prezioso e convention venerdì per la presentazione del calendario-strenna 2020 di Alessia Bellofatto nel segno di Greta Thunberg e delle risorse naturalistiche e paesaggistiche del Parco del Partenio

di Gianni Amodeo

Si possono ammirare fino al 31 dicembre- la Mostra è stata inaugurata il 14 scorso- negli ovattati e scintillanti spazi del rinomato e ben frequentato Centro servizi Moccia, la mega-struttura d’accoglienza e intrattenimento attiva a Pratola Serra – il piccolo Comune della cintura urbana di Avellino – meglio noto come la “Città dei motori”.

Sono le originali composizioni plastiche e figurative che realizza Cettina Prezioso, di professione docente di Educazione fisica e, al contempo, dedita con costante e intenso feeling all’arte e all’oggettistica di qualità, oltre che all’impegno sociale; feeling, a cui può ora dedicarsi … in pieno, avendo raggiunto la soglia del pensionamento, dopo i decenni di attività didattica svolta nell’Istituto tecnico-commerciale e per geometri “Masullo-Theti”, a Nola, da cui si è “congedata” a settembre scorso. Sono creazioni che Cettina Prezioso forma e plasma, utilizzando materiali poveri, come carta e cartoni, pagine di libri e giornali ingialliti da macero e riciclo, avvalendosi delle modalità tecniche con cui si prepara e confeziona la cartapesta che costituisce eccellente materia da modellare in sculture parlanti. Le composizioni variegate per ispirazioni e temi assumono il proprio linguaggio con colori intensi e piccole pietre di decoro. E’ l’espressività di figure composite che inneggiano alla natura e agli alberi, elementi caratterizzanti e significativi della Mostra, dall’associazione “Le Ali per la vita”- presieduta da Anna Napolitano – tra le più presenti e attive nel territorio dell’ Unione intercomunale del Baianese e dellAlto Clanio. Un’espressività degna di rilievo e attenzione.

E se la Mostra delle creazioni di Cettina Prezioso catalizza l’interesse dei visitatori, conferendole meritati e gratificanti riconoscimenti e riscontri di consenso, nel calendario degli eventi natalizi programmati dal “Moccia” spicca in primo piano la presentazione del Calendario artistico di Alessia Bellofatto, in agenda venerdì- 20 dicembre, alle ore 17, 00– nella convention a cui parteciperanno Gianni Festa, direttore de “Il Quotidiano”, Francesco Iovino, presidente del Parco regionale del Partenio, Annibale Discepolo, redattore de “Il Mattino”, il professore Giovanni De Feo, il creatore del metodo Greenopoli, la poetessa Antonietta Gnerre, il professore Carmine Montella; convention che sarà conclusa dall’attesa performance del disincanto pungente e soft nello stesso tempo, con cui si caratterizza il celebre cabarettista, Eugenio Corsi.

Opere da collezione

Il Calendario illustrato di Alessia è una pregevole e autentica strenna, che viene realizzata e pubblicata dall’associazione “La Piccola cometa”- anch’essa ben presente nel contesto dell’ Unione intercomunale del Baianese e dellAlto Clanio– nel quadro delle sue iniziative sociali, come la Fiera del libro e dei fumetti, ad Avella, per non dire delle attività editoriali di alto profilo, come quelle della pubblicazione dell’elegante rivista Froggy e dei Quaderni dell’ambiente per la collana Avellana, in supplemento al periodico “Il Meridiano”. E’ l’atteso appuntamento che segna il passaggio da un anno all’altro.

Con quello del 2020, il Calendario di Alessia approda alla quattordicesima edizione. Un lavoro, che Alessia – precoce talento amante del linguaggio pittorico ed operosa studentessa dell’Istituto statale d’Arte “De Luca” di Avellino- ha compiuto personalmente per quattro edizioni, fin quando, a sedici anni, non è stata domata dalla malattia, sottraendola all’affetto dei genitori, dei nonni, delle amiche. Una vita breve, ma intensa, quella di Alessia, con amore per la scrittura di racconti e favole, ed una copiosa produzione di disegni e tavole a colori, in cui primeggiano i temi dell’amore per la natura e per gli animali. Ed è propria questa copiosa produzione lasciata da Alessia a fornire la chiave ispiratrice e … la materia prima per la composizione dei Calendari illustrati successivi a quello del 2010, calibrato sul tema del Mito, direttamente curato dalla giovanissima artista. Una linea di continuità,il cui sviluppo e prosieguo vive inalterata d’affetto nei genitori, mentre il padre Saverio è diventato esperto di composizione grafica, con interessante vena artigianale e artistica, che si manifesta compiutamente nelle produzioni editoriali del catalogo de “La Piccola cometa”.

In carta patinata, secondo consuetudine, il Calendario illustrato di Alessia è diventato ormai un “documento da collezione”, che si conserva e custodisce con cura in biblioteca, per l’impostazione grafica, la qualità della stampa e le valenze delle tematiche d’attualità a cui si connette anno dopo anno. E per il 2020, filo discorsivo del calendario è il Parco regionale del Partenio, negli abbracci   tra Natura, Storia, Gente e Tradizioni; è il filo discorsivo, a cui fa da contrappunto la bella sequenza dei disegni di Alessia ispirati dal suo rapporto diretto e personale con la Natura. Sono i disegni che illustrano le peculiarità dei Mesi e delle Stagioni secondo la visione di Alessia. L’intreccio forte e profondo tra il mondo del Parco Partenio e il legame dell’ Io dell’artista con la Natura vivente è scandito e punteggiato dall’ottima selezione di citazioni e frasi di uomini di pensiero, letteratura, scienze, arte che focalizzano l’ Infinitezza dell’universo cosmo e i Valori di vita che identificano il PianetaTerra; valori verso i quali l’Uomo troppo spesso usa ignobile arbitrio e superba prepotenza, fino a negarli e a calpestarli. E le citazioni delle frasi di San Francesco, Albert Einstein, Kofi Annan, Anton Chechov, Alberto Mercalli, Fedor Dostoevskij, Paola Maugeri, Greta Thunberg, ne forniscono un eloquente testimonianza.

Pratola Serra. Al Centro servizi Moccia, arte e cultura del territorio Pratola Serra. Al Centro servizi Moccia, arte e cultura del territorio Pratola Serra. Al Centro servizi Moccia, arte e cultura del territorio Pratola Serra. Al Centro servizi Moccia, arte e cultura del territorio

adsense – Responsive – Post Articolo