Pratola Serra nota sul consiglio comunale tenutosi oggi

adsense – Responsive Pre Articolo

L’amministrazione comunale di Pratola Serra, a seguito del Consiglio Comunale che si è tenuto questa mattina alle ore 09:30, ha voluto rimarcare gli importanti provvedimenti approvati.  Non mancano, inoltre, le dichiarazioni del sindaco Emanuele Aufiero che risultano chiaramente scollate dalla realtà dei fatti.
L’anno 2019, che ci lasciamo alle spalle, dimostra il pieno fallimento dell’operato amministrativo. Basti pensare alla mesta ritirata sulle politiche sociali dopo aver ridotto al lumicino le finanze dell’Ente;  all’inserimento dell’addizionale dell’IRPEF con la disperata speranza di fare cassa ;  alla penosa vicenda della “baracca” scuola elementare, dove solo dopo le nostre segnalazioni hanno avviato lavori di manutenzione in attesa che i lavori all’edificio scolastico vengano completati (quando?) e molto altro ancora.
Dal punto di vista amministrativo abbiamo assistito ad un valzer continuo delle cariche politico – dirigenziali. Oggi,  contrariamente a quanto deliberato dalla Corte dei Conti, il sindaco ri-occupa il ruolo di Responsabile Finanziario dell’Ente. La questione è stata portata all’attenzione del consiglio ma come al solito il silenzio regna sovrano.
A completare il quadro del 2019 che ci lasciamo alle spalle, è l’arrivo della commissione antimafia che opererà fino al 19 febbraio 2020 e sulla quale, a differenza del Sindaco, non facciamo pronostici. Per noi già il fatto che sia stata nominata bisognerebbe far riflettere.
Il consiglio comunale di oggi si rendeva necessario per la revisione delle società partecipate, e anche su questo la presidenza del consiglio non ha saputo dare una spiegazione riguardo la penosa vicenda della proposta di deliberazione inviataci che nella sostanza era il copia incolla della delibera fatta lo scorso anno. Basti pensare che in detta proposta di delibera oltre a profetizzare dichiarazioni dei consiglieri veniva riportato anche l’esito della votazione. Vi erano, quindi, giustificati motivi per rinviare l’approvazione del punto all’ordine del giorno, ma la Mozione, come di consueto, è stata bocciata dai consiglieri di maggioranza presenti che non hanno commentato in alcun modo quanto di grave accaduto.
Infine le dichiarazioni del sindaco sullo stato di salute delle finanze dell’Ente, annunciando un positivo di cassa di oltre 300 mila euro. Probabilmente siamo di fronte al frutto della strategica azione del “non pago più nessuno” dettata dal neo convenzionato Carlo Giliberti. Una politica che aggiusta in conti solo di facciata e che pare sia stata sposata in pieno dall’amministrazione Aufiero.
Sul punto è stato ribadito, e ribadiamo ancora, che avere un segno più in cassa e una montagna di fatture nel cassetto che neanche vengono pubblicate come previsto dalla Legge, non aggiusta i conti dell’Ente, inoltre è stato ricordato che il comune ha utilizzato per la spesa corrente oltre 600 mila euro di fondi destinati ai contributi del terremoto senza averli negli anni mai ricostruiti. Per intenderci: occorrono 600 mila euro solo per pareggiare i conti con la cassa. È senza dire che il sindaco, su tali precisazioni, neanche ha battuto ciglio e il fatto che l’abbia fatto anche in veste di Responsabile Finanziario lo riteniamo grave e preoccupante.
Evitiamo di riportare i contenziosi avviati che solo con Irpinia Ambiente e alcune Banche vale oltre 1 milione e mezzo di euro.
Ma il consiglio di oggi era anche l’ultima occasione per ratificare una delibera di giunta riguardante una variazione di bilancio. Probabilmente la notte ha portato consiglio e per mettere riparo è stata letta una nota dirigenziale che si proponeva di spiegare o sanare la cosa. Ovviamente è seguita una replica che è finita nel vuoto, ma la materia è ben regolamentata dalla Legge e verificheremo l’intera questione.
Infine, riportiamo per la cronaca, quanto di insolito è accaduto in consiglio: un’astensione da parte del consigliere Pisano riguardo l’approvazione delle sedute precedenti. Non sappiamo i motivi di tale decisione a dir poco storica, ne sappiamo se ci siano delle conseguenze visto che sui punti successivi il consigliere Pisano non risultava presente avendo abbandonato l’aula, per motivi personali.
Purtroppo l’evento non è stato ripreso  dalla diretta Streaming ma siamo fiduciosi che tutto sarà visibile nell’integrale che verrà pubblicato.
Il consiglio è terminato con i consueti Auguri che  ancora rinnoviamo ed estendiamo all’intera cittadinanza.
(Comunicato stampa del gruppo consiliare “SiAmo Pratola Serra”)

adsense – Responsive – Post Articolo