PROGETTO “AVELLINO LA CITTA’ SI….CURA”. Proposte per il miglioramento e il potenziamento della sicurezza urbana della città di Avellino.

adsense – Responsive Pre Articolo

–  Salvatore Pignataro, candidato alla carica di consigliere comunale di Avellino nella lista del Partito Democratico  presenta il progetto “Avellino città si…cura” con numerose proposte per migliorare e potenziare la sicurezza urbana della città. Segretario regionale dell’Associazione Italiana Criminologi per l’Investigazione e la Sicurezza e Direttore del Centro Studi nazionale dell’Associazione Nazionale Esperti in Sicurezza Pubblica e Privata, Salvatore Pignataro propone al candidato sindaco Luca Cipriano di istituire un Assessore alla Sicurezza Urbana o delegare un Consigliere comunale su questo specifico e importante tema. Occorre implementare dei veri e propri “ Patti per la sicurezza urbana” che prevedono una interconnessione a livello territoriale tra le sale operative della polizia municipale e le forze dell’ordine. In questo processo si può prevedere il coinvolgimento delle Associazioni di Guardie Ambientali Venatorie presenti in città  per la tutela dell’arredo urbano, della aree verdi e dei parchi ma anche delle periferie. Oltre a questo, si possono prevedere accordi con i private in cambio di detrazioni sull’Imu e TASI per enti gestori di edilizia residenziale, amministratori di condomini, imprese, associazioni di categoria ecc. che concorrono alla promozione della sicurezza integrata attraverso l’installazione nei punti strategici della città e della periferia di sistemi di sorveglianza tecnologicamente avanzati. Il piano riguarda nel dettaglio anche la lotta ai parcheggiatori abusivi, da preveder misure specifiche al contrasto dell’immigrazione clandestina attraverso progetti di integrazione per chi ha un permesso di soggiorno. Il progetto prevede anche: 1) La promozione del “Controllo di vicinato” strumento di prevenzione basato sulla partecipazione attiva dei cittadini attraverso un controllo informale della zona di residenza e la cooperazione con la Polizia Municipale. 2) Attivazione di un tavolo di coordinamento comunale per i grandi eventi ( concerti, feste ecc) coinvolgendo la prefettura, forze dell’ordine, vigili del fuoco, associazioni ecc. 3) Progetto “Scuola sicura” l’Amministrazione comunale, coinvolgerà le Associazioni presenti sul territorio per presidiare esternamente le strutture scolastiche di ogni ordine e grado dove non è possibile impiegare la Polizia Municipale. Nel settore scolastico, attraverso apposite borse di studio, saranno realizzate iniziative sulla legalità, progetti contro il bullismo, la violenza di genere, per il contrasto al consumo di sostanze stupefacenti  all’uso dell’alcool ecc. 4) Incentivare l’apertura di Sportelli Socio – Legali con professionalità fornire da associazioni specializzate per poter dare supporto ai cittadini che vivono in disagio economico e sociale. 5) Redigere progetti finanziabili con il Programma Operativo nazionale Legalità 2014/2020 per il rafforzamento di iniziative per contrastare la corruzione nella Pubblica Amministrazione redigere progetti per l’inclusione sociale e la diffusione nella legalità ( strumenti di interventi di presidio tecnologico di videosorveglianza  nei punti nevralgici della città e delle periferie. Realizzare un Osservatorio comunale sulla Legalità ( Protocollo d’intesa con tutti gli enti presenti in città, sindacati, associazioni di volontariato, ordinei professionali e associazioni contro le mafie, contro il raket e l’usura.) Un punto forte essenziale, sono il rifinanziamento della legge 12 del 13 giugno 2003 per acquistare attrezzature in dotazione alla polizia municipale. Il Sindaco dovrà sottoscrivere un accodo con la Prefettura e la Questura per permettere agli agenti di PM di accedere alla banca dati interforze. Ulitizzare in via sperimentale  armi comuni ad impulsi elettrici ( taser). Con una parte dei fondi incassati a seguito dei verbali al Codice della Strada sarà possibile acquistare droni e strumenti tecnologici per la Polizia Municipale. Una particolare attenzione sarà destinata alle forme di accattonaggio molesto e con minori con applicazione del DASPO urbano. Infine Intesa con la Scuola Regionale della Polizia Municipale di Benevento per formazione e aggiornamento del personale e potenziamento della “Control room” presente presso il Comando di Polizia Municipale.

adsense – Responsive – Post Articolo